Giovanni Domenico Tiepolo

Italy (17271804 ) - Opere Wikipedia® - Giovanni Domenico Tiepolo
TIEPOLO Giovanni Domenico Indigestione Di Pulcinella

CapitoliumArt Casa D'aste /25-nov-2013
10.000,00 - 12.000,00
Non Divulgato

Trova opere d’arte, risultati d’asta e prezzi di vendita dell’artista Giovanni Domenico Tiepolo nelle aste italiane ed internazionali.
Consulta stime ed aggiudicazioni di Giovanni Domenico Tiepolo Segui l'artista con le allerte via mail

 

Detto anche :

Tiepolo Giandomenico

 

Opere in Arcadja
517

Alcune opere di Giovanni Domenico Tiepolo

Estratte tra le 517 opere nel catalogo di Arcadja
Giovanni Domenico Tiepolo - Il Ciarlatano

Giovanni Domenico Tiepolo - Il Ciarlatano

Originale 1779
Stima:
Base d'asta:

Prezzo:

Prezzo Lordo
Numero di lotto: 201
Altre OPERE IN ASTA
Descrizione:
Description: Dall'Acqua, Cristoforo - Tiepolo, Giandomenico [Il ciarlatano] Acquaforte e bulino, 1779, mm. 400 x 514 ai margini, piccoli strappi restaurati ai margini bianchi, qualche fioritura. Notes: Raro foglio che raffigura il ciarlatano che improvvisatosi dentista, si esibisce davanti ad un pubblico di creduloni. E' ispirato ad un disegno di Giandomenico Tiepolo conservato alla Pierpont Morgan Library di New York. Dall'Acqua fu attivo come incisore all'acquaforte ed al bulino nella bottega di G. Wagner e presso gli stampatori Remondini.
Giovanni Domenico Tiepolo - Assunzione Al Cielo Di Un Condottiero

Giovanni Domenico Tiepolo - Assunzione Al Cielo Di Un Condottiero

Originale
Stima:

Prezzo: Non Divulgato
Numero di lotto: 102
Altre OPERE IN ASTA
Descrizione:
GIOVAN DOMENICO TIEPOLO Assunzione al cielo di un condottiero ACQUAFORTE SU CARTA altezza: 70 cm larghezza: 52,3 cm GIOVAN DOMENICO TIEPOLO (1727 - 1804) Assunzione al cielo di un condottiero Acquaforte su carta Foglio: 70x52,3 cm. Incisione: 65,8x50,8 cm. Dettagli in lastra Provenienza: Galleria Salamon, Milano (etichetta al verso) Elementi distintivi Tavola 40 Riferimento ad un passaggio d’’’’asta “n. 6 6/8/98” Stato di conservazione Segno: 70% (battuta non para; inchiostri a destra scarichi; diffuso foxing; danni da abrasione per tutto il lato destro, specialmente ai margini; qualche danno ai margini anche sugli altri lati) Supporto: 80% Note: Verso non esaminato
Giovanni Domenico Tiepolo - Via Crucis.

Giovanni Domenico Tiepolo - Via Crucis.

Originale 1749
Stima:
Base d'asta:

Prezzo:

Prezzo Netto
Numero di lotto: 118
Altre OPERE IN ASTA
Descrizione:
Giandomenico Tiepolo (1726-1804). Via Crucis. 1749. Acquaforte. Matrice: mm 209x185. Foglio: mm 341x257. NAGLER, 1817, n. 9; SACK, n. 1; MORASSI, p. 281; RIZZI, n. 39; SUCCI, p. 384-386. Esemplare completo (IV stato di 5) della serie di stampe in 15 tavole (frontespizio e 14 tavole con altrettante "stazioni"). Su carta bianca compatta, la serie è conservata in singoli fogli montati su passe-partout cartonato al quale sono incollati dal verso tramite due strisce di carta. Le tavole mantengono tutte ampi margini. A parte un leggero ingiallimento (non omogeneo in tutte le tavole) e qualche rara macchia, è in ottimo stato di conservazione.
Giovanni Domenico Tiepolo - Indigestione Di Pulcinella

Giovanni Domenico Tiepolo - Indigestione Di Pulcinella

Originale
Stima:
Base d'asta:

Prezzo: Non Divulgato
Numero di lotto: 13
Altre OPERE IN ASTA
Descrizione:
Giandomenico Tiepolo Indigestione di Pulcinella. Penna e pennello inchiostro seppia su carta settecentesca altezza: 20 cm larghezza: 13,5 cm TIEPOLO GIANDOMENICO (1727 - 1804) Indigestione di Pulcinella. Penna e pennello inchiostro seppia su carta settecentesca. Cm 13,50 x 20,00. Opera accompagnata da parere scritto di Filippo Pedrocco che si cita di seguito. [...] Il tema di Pulcinella ricorre con grande intensità nella produzione degli anni finali di Giandomenico, quando tra il 1793 e il 1797 produce gli splendidi affreschi dipinti per la propria casa di villeggiatura a Zianigo presso Mirano (ora strappati, sono conservati nel Museo del Settecento veneziano di Cà Rezzonico) e la serie dei 104 disegni raccolti in volume col titolo di "Divertimenti per li ragazzi", realizzati con ogni probabilità già agli esordi dell'ottocento. Il volume era ancora integro nel 1921, quando faceva parte della collezione Owen a Parigi; in seguito è stato smembrato e i disegni sono dispersi in diverse collocazioni. Proprio con questi celeberrimi fogli (se ne vedano alcuni riprodotti nel catalogo della mostra "Tiepolo, iroania e comico", Venezia, 2004, pp 189 e segg.) il disegno in oggetto mostra evidenti similitudini, oltre che nel soggetto, nella struttura grafica, nel segno mosso e creativo e nel gioco dell'acquarellatura. Questa figura di Pulcinella steso a terra, probabilmente ebbro dopo pantagrueliche libagioni, col ventre gonfio di cibo che sforza i bottoni della giubba e col cappello curiosamente posato a fianco, in posizione eretta, appare quindi del tutto simile a quelle che trionfano nella serie dei disegni dell'album; inoltre, anche se la posa è completamente diversa, notevoli analogie si possono cogliere con il Pulcinella che appare egualmente ebbro in uno dei riquadri che proviene dalle pareti della stanza della villa di Zianigo dedicata alle vicende della maschera napoletana. Il disegno reca sul verso un'iscrizione settecentesca a penna di difficile lettura, nella quale parrebbe di poter leggere il nome di un altrimenti ingoto Francesco da Schio.
Giovanni Domenico Tiepolo - Flagellazione Di Cristo

Giovanni Domenico Tiepolo - Flagellazione Di Cristo

Originale 1804
Stima:

Prezzo:

Prezzo Lordo
Numero di lotto: 74
Altre OPERE IN ASTA
Descrizione:
74. Giandomenico Tiepolo (Venezia 1727 - 1804) - Flagellazione di Cristo penna e inchiostro bruno acquerellato su carta mm 192 x 175 firmato: ‘Gio. Domo. Tiepolo F’ (in basso, destra) Provenienza: Georges Cain (1856-1919), conservatore del Museé Carnevalet di Parigi dal 1897 al 1914, come da iscrizione sul verso a matita Christie’s, Parigi, 17-III-2005, lotto 354 GIANDOMENICO TIEPOLO (VENICE 1727 - 1804), FLAGELLATION OF CHRIST, PEN AND DARK WATERCOLOURED INK ON PAPER, 19.2 X 17.5 CM, SIGNED: GIO.DOMO.TIEPOLO F.’ LOWER RIGHT. €5500 – €7000 Il disegno è riferibile ai dipinti di Giandomenico Tiepolo eseguiti nel 1772 per il convento madrileno di San Filippo Neri, poi passati dal 1873 al Prado, dove tuttora si conservano. In particolare il soldato di spalle con la gamba sinistra sollevata si ritrova con varianti nello sgherro de La flagellazione, mentre la posa del Cristo seduto si riflette con alcune modifiche in quella del Salvatore ne L’Incoronazione di spine (cfr. A. Mariuz, Giandomenico Tiepolo, Venezia 1971, p. 123 s., tavv. 233, 234). Torna indietro Free Online bidding

LA BIOGRAFIA DI Giovanni Domenico Tiepolo

TIEPOLO Giandomenico , pittore italiano, nasce nel 1727 e muore nel 1804 a Venezia.
La sua prima formazione avvenne presso il padre Giambattista Tiepolo a cui rimase fedele collaboratore per tutta la vita nonostante operò anche in modo indipendente.
Seguì il padre a Wurzburg e eseguì le sovrapporte della Residenza, nel 1757 decorò a fresco la foresteria della Villa Valmarana a Vicenza, nel 1780 fu nominato presidente dell'Accademia di pittura a Venezia, nel 1783 lavorò al Palazzo Ducale a Genova e nel 1791 riprese le decorazioni di Zianigo.
Egli sviluppa una satira amarissima in cui vi sono spiriti borghesi che preludono a Goya e a Daumier.
Svolse anche una grande attività di incisore.

Arcadja LogoProdotti
Abbonamenti
Pubblicità
Aste Sponsorizzate
Abbonamenti

Chi siamo
Il Prodotto
Follow Arcadja on Facebook
Follow Arcadja on Twitter
Follow Arcadja on Google+
Follow Arcadja on Pinterest
Follow Arcadja on Tumblr