Cookies help Arcadja providing its services: browsing the portal you accept their use.
I cookies aiutano Arcadja a fornire i suoi servizi: navigando nel portale ne accettate l'utilizzo.
Cookies disclosure/Informativa cookies

  • Art Auctions, Ventes aux Encheres Art, Kunstauctionen, Subastas Arte, Leilões de Arte, Аукционы искусства, Aste
  • Ricerche
  • Servizi
  • Iscrizione
    • Iscrizione
  • Arcadja
  • Cerca autore
  • Login

Alcune opere messe in vendita da Sotheby's

Vincenzo Agnetti - Libro Dimenticato A Memoria

Vincenzo Agnetti - Libro Dimenticato A Memoria

Originale 1970
Stima:

Prezzo:

Prezzo Lordo
Numero di lotto: 6
Altre OPERE IN ASTA
Descrizione:
Vincenzo Agnetti LIBRO DIMENTICATO A MEMORIA SIGNED, TITLED AND DATED 1970 ON THE INTERNAL COVER, CROPPED BOOK, BLACK BOOKMARK, GREY COVER. THIS WORK IS GOING TO BE REGISTERED IN THE ARCHIVIO VINCENZO AGNETTI, MILAN 1926 - 1981 firmato, intitolato e datato 1970 nell'interno di copertina libro svuotato e fustellato al centro, segnalibro singolo nero, copertina grigia cm 70x50x3 chiuso; cm 70x100 aperto
Pino Pascali - Bomba A Mano

Pino Pascali - Bomba A Mano

Originale 1967
Stima:

Prezzo:

Numero di lotto: 23
Altre OPERE IN ASTA
Descrizione:
FROM THE COLLECTION OF ANNA PAPARATTI, ROME Pino Pascali BOMBA A MANO 1935 - 1968 signed Pascali, dated and inscribed Diario il 24.1.67 ho ricaricato la bomba con questo biglietto. l'ho riverniciata oggi con smalto verde di ... (on the note) hand grenade containing a note 10 by 5.5cm. 4 by 2 1/8 in. Executed in 1967.   Anna Paparatti, Rome (acquired directly from the artist) Marco Tonelli, Pascali Catalogo Generale delle sculture dal 1964 al 1968 , Rome, 2011, no. 33, illustrated p. 124
Sirio Tofanari - Italian Pantera

Sirio Tofanari - Italian Pantera

Originale 1928
Stima:

Prezzo:

Prezzo Lordo
Numero di lotto: 95
Altre OPERE IN ASTA
Descrizione:
Sirio Tofanari ITALIAN PANTERA (PANTHER) 1886 - 1976 signed and dated: Sirio Tofanari 1928 black marble, on an ebonised wood base 120cm., 47¼in. Provenance With Galleria Bardi, Milan, 1930 Literature G. Ponti (ed.), Domus: arte e stile nella casa, arte e stile nell'industria, 1930, p. 24; V. Terraroli (ed.), Art Deco: Gli anni ruggenti in Italia 1919-1930, exh. cat. Musei San Domenico, Forlì, Milan, 2017, p. 285, no. 10.1
Alessandro Magnasco Il Lissandro - The Sacrifice Of Isaac

Alessandro Magnasco Il Lissandro - The Sacrifice Of Isaac

Originale
Stima:

Prezzo:

Prezzo Lordo
Numero di lotto: 157
Altre OPERE IN ASTA
Descrizione:
Alessandro Magnasco, called il Lissandrino THE SACRIFICE OF ISAAC GENOA 1667 - 1749 oil on paper, laid on canvas 40 x 29.5 cm.; 15 3/4 x 11 5/8 in. A. Orlando, Dipinti genovesi. Dal Cinquecento al Settecento. Ritrovamenti dal collezionismo privato, Turin 2010, p. 186, reproduced in colour (as Carlo Antonio Tavella).
Benedetto Da Maiano - Corpus Christi With Movable Arms

Benedetto Da Maiano - Corpus Christi With Movable Arms

Attribuito
Stima:

Prezzo:

Numero di lotto: 52
Altre OPERE IN ASTA
Descrizione:
Attributed to the workshop of Benedetto da Maiano (1441-1497) Italian, Florence late 15th century CORPUS CHRISTI WITH MOVABLE ARMS gilt and polychromed wood 47 by 50cm., 18½ by 19 5/8 in. (arms extended) Catalogue Note This affecting Corpus is distinguished by a still-functioning mechanism that enables movement of the arms through joints at the shoulders, allowing for it to be displayed as a body in repose, presumably during the rites of Holy Week. Based on stylistic aspects the figure has been attributed to Benedetto da Maiano and his workshop by Alfredo Bellandi (expertise dated 28 September 2016, available upon request). Compare, for example, the sculptor's Crucifix in the Ospedale di Santa Fina, San Gimignano (Carl, op. cit., pl. 67). RELATED LITERATURE D. Carl, Benedetto da Maiano: A Florentine Sculptor at the Threshold of the High Renaissance, Regensburg, 2006, pl. 67 Expertise by Prof. Alfredo Bellandi: Benedetto da Maiano (Maiano, 1441 - Firenze, 1497) e bottega Cristo crocifisso (a braccia mobili), ultimo decennio del Quattrocento legno dipinto cm 53 x 40 Dopo la fondamentale ricognizione della Lisner (1970) sulla scultura lignea dal Trecento al Cinquecento a Firenze e in Toscana, che ha messo in evidenza l\’importanza nell\’arte fiorentina del Quattrocento delle immagini in legno dipinto raffiguranti il Cristo inchiodato alla croce, la recente mostra, da tempo auspicata, «Fece di scoltura di legname e colorì». Scultura del Quattrocento in legno dipinto a Firenze, svoltasi alla Galleria degli Uffizi, raccogliendo i rilevanti studi degli ultimi anni dedicati a questo specifico argomento, ha finalmente contribuito al risalto di una produzione che costituisce un tratto peculiare della scultura del nostro Rinascimento. Gradita mi è perciò l\’occasione di presentare questo crocifisso di piccole dimensioni (fig.1-4), di bella qualità, un\’opera che costituisce una testimonianza preziosa, sconosciuta alla letteratura specialistica. Il Crocifisso, intagliato a tutto tondo, recuperata nei suoi valori espressivi in seguito ad un recente restauro eseguito a Firenze nel 2016 presso il laboratorio di Rita Chiara Felice e Francesca Lotti, è realizzato probabilmente in legno di tiglio, una specie utilizzata dagli scultori toscani, come ricorda già Vasari nella sua introduzione alle Vite, dedicata agli aspetti tecnici del \‘mestiere\’ di artista: la media durezza e la scarsa presenza di fibre e nodi, sono, infatti, caratteristiche che rendono questa specie legnosa particolarmente adatta all\’intaglio. La figura è ricavata da un blocco portante (dove sono stati intagliati la testa, il torso, le gambe ed i piedi), al quale sono state aggiunte le braccia snodabili tramite un sistema a perno ligneo ancora funzionante (per questa ragione la costruzione della spalla, sopra lo snodo delle braccia, è, in parte, realizzata con stoffa incollata al legno): si tratta dunque di un crocifisso realizzato con le braccia mobili per essere presentato, all\’occorrenza, anche nella posizione di \‘deposto\’ (fig.2,4), ossia adagiato sul cataletto con le braccia lungo il corpo, durante i riti della Settimana Santa, probabilmente, in ragione delle sue dimensioni, quale atto intimo e solenne di adorazione destinato – come preciseremo – alla devozione privata o conventuale. Nella Firenze dell\’ultimo quarto del Quattrocento alcune importanti botteghe a conduzione familiare si specializzarono nella realizzazione di crocifissi monumentali, di medie e piccole dimensioni, come il nostro esemplare. Tale produzione fu predominante negli esponenti della più alta tradizione dell\’intaglio ligneo: i fratelli Giuliano e Benedetto da Maiano, i Sangallo, Baccio da Montelupo e Antonfrancesco Bugiardini, la famiglia dei Del Tasso. La diffusione dell\’immagine del crocifisso, assai richiesta dal mercato artistico, venne favorita dalla predicazione del frate domenicano Girolamo Savonarola che additava nel Cristo sulla croce il principale modello ispiratore di elevazione spirituale, un aspetto del quale offre un\’efficace immagine l\’effigie del combattivo predicatore in una medaglia (1497), attribuita a fra Mattia della Robbia, al British Museum di Londra (fig.8), che ci restituisce con immediatezza la funzione di simili opere e il particolare punto di vista, molto ravvicinato, dal quale solitamente venivano osservate, vincolando l\’artista ad un livello accurato di definizione anatomica. Il nostro crocifisso  – leggermente più piccolo rispetto a un braccio fiorentino, l\’unità di misura entro cui sappiamo dai documenti che simili lavori erano realizzati –, composto e solenne nella sua posa frontale, è qualificato, sul piano stilistico, dalle membra delicate e una struttura ben tornita: il volto, dai tratti sottili, non è gravato da un\’espressione di sofferenza ma di serena rassegnazione e la muscolatura è delineata in modo accurato (si osservi la struttura della gabbia toracica e lo sterno) ma non esageratamente segnata; il perizoma di tela gessata (fig.6), annodato trasversalmente sull\’addome, è molto aderente in modo da sottolineare la forma del corpo. Nel modellato del volto dai tratti definiti e delicatamente sofferenti (fig.5) riconosciamo l\’intervento di Benedetto da Maiano. Lo scultore, infatti, fu coinvolto nella ingente produzione di crocifissi di piccolo formato per la devozione privata, nella quale intervennero anche i suoi collaboratori: lo conferma l\’inventario delle opere contenute all\’interno della bottega, redatto alla sua morte, nel 1497, allorché venne rilevata dal nipote Leonardo del Tasso. Nel documento sono registrati ben sette crocifissi piccoli di misure diverse, tra i quali «uno di ½ braccio» (ossia di circa trenta centimetri) «consegnato (...) a Simone del Pollajuolo» il «10 di novembre per fiorini uno larghi» e un altro «d\’un terzo di braccio» a un monaco della badia il 15 febbraio 1497: tali notizie offrono uno spaccato del vivace mercato artistico sviluppatosi attorno a questo genere di opere, delle dinamiche produttive delle botteghe fiorentine e del loro ambito di committenza. Accostando al nostro esemplare il crocifisso (fig.10) di Benedetto da Maiano dell\’Ospedale di Santa Fina a San Gimignano (1495 ca.), caratterizzato da una modellazione della superficie che unisce tutto morbidamente (dal busto arrotondato alle ginocchia, spostate in avanti e che sembrano sprofondare verso il basso), si possono istituire efficaci confronti tra i loro volti (fig.11,12). Assai simile, nelle due opere, è, inoltre, il perizoma violaceo in stoffa, così colorato per rimarcare l\’effetto penitenziale dell\’opera, realizzato, come era in uso nelle botteghe fiorentine del Quattrocento, con una sottile tela di cotone apprettata con colla animale e preparata per essere dipinta con un sottilissimo strato di gesso. Proprio il colore, in simili oggetti, svolgeva un ruolo non secondario nel conferire naturalezza ad una immagine destinata alla devozione. La policromia è stesa su di una preparazione a gesso e colla molto sottile e rifinita con un gioco di velature che contribuiscono ad accentuare i volumi del modellato. L\’incarnato olivastro è realizzato con varie stesure di pigmenti legati, probabilmente, con tempera mista, in considerazione della brillantezza della materia. Per restituire la policromia del sangue sono stati impiegati una lacca rosso scuro ed un pigmento più chiaro, soprammessi per aumentarne la veridicità. Anche tale aspetto, sottolinea, in quest\’immagine del Cristo crocifisso, la sintesi fra volume e colore che costituisce il tratto rilevante della scultura lignea fiorentina. Firenze, 28 settembre 2016 Alfredo Bellandi Bibliografia: inedito. Bibliografia di riferimento: - G. Vasari, Le vite de\’ più eccellenti architetti, pittori, et scultori italiani, da Cimabue insino a\’ tempi nostri, Firenze 1550, ed. a cura di L. Bellosi e A. Rossi, Torino, 1986, pp. 487-491. - M. Lisner, Holzkruzifixe in Florenz und in der Toskana von der Zeit um 1300 bis zum frühen Cinquecento, München 1970. - D. Carl, Benedetto da Maiano. A Florentine Sculptor at the Threshold of the High Renaissance, 2006. - Benedetto da Maiano a San Gimignano. La riscoperta di un crocifisso dimenticato, a cura di M. Maccherini, Firenze 2009. - A. Bellandi, \\\“In riva d\\\’Arno, a un buon lume\\\”, in La scultura in legno dipinto del Quattrocento a Firenze, cat. della mostra a cura di A. Bellandi (Galleria degli Uffizi), Firenze 2016, pp. 36-61.
Arcadja LogoServizi
Abbonamento
Pubblicità
Aste Sponsorizzate
Abbonamento

Arcadja
Il prodotto
Follow Arcadja on Facebook
Follow Arcadja on Twitter
Follow Arcadja on Google+
Follow Arcadja on Pinterest
Follow Arcadja on Tumblr