Giulio Aristide Sartorio

Italy (Roma 18601932 ) - Opere Wikipedia® - Giulio Aristide Sartorio
SARTORIO Giulio Aristide Mostri Dissimili

Gonnelli /17-nov-2012
750,00 - 750,00
Non aggiudicato

Trova opere d’arte, risultati d’asta e prezzi di vendita dell’artista Giulio Aristide Sartorio nelle aste italiane ed internazionali.
Consulta stime ed aggiudicazioni di Giulio Aristide Sartorio Segui l'artista con le allerte via mail
Opere in Arcadja
112

Alcune opere di Giulio Aristide Sartorio

Estratte tra le 112 opere nel catalogo di Arcadja
Giulio Aristide Sartorio - Foro Appio

Giulio Aristide Sartorio - Foro Appio

Originale
Stima:
Base d'asta:

Prezzo:

Numero di lotto: 55
Altre OPERE IN ASTA
Descrizione:
Author Giulio Aristide Sartorio Roma 1860 – 1932 Foro Appio tempera cm 55 x 75 firmato, titolato e datato “ G. A. Sartorio. Foro Appio MCMXX”; ; Bibliografia essenziale ed Esposizioni A. Cervesato – La Campagna romana nella pittura dell'Ottocento – ed. Vela, Velletri 1982 p. 61 R. Mammucari – La Società degli Acquarellisti in Roma – catalogo Mostra Palazzo Valentini di Roma, ed. Vela , Velletri 1987 p. 181 F. Cataldi – Villari – Giulio Aristide Sartorio – cat. Mostra Palazzo della Cultura di Latina – De Luca editore Roma 1987 n. 10 P.A. De Rosa – P.E. Trastulli – La Campagna romana da Hakert a Balla – cat. Mostra al Museo del Corso di Roma , 2002 tavola CXX E. Corradini – Naturalismo nella pittura italiana tra '800 e '900 – catalogo Mostra Foro Boario di Modena, Federico Motta editore, Milano 2008 p. 257 Art E Dossier n. 307 – febbraio 2014 pag. 41
Giulio Aristide Sartorio - Maldonado Dell'uruguay, La Mattanza Delle Foche

Giulio Aristide Sartorio - Maldonado Dell'uruguay, La Mattanza Delle Foche

Originale 1924
Stima:

Prezzo:

Numero di lotto: 356
Altre OPERE IN ASTA
Descrizione:
GIULIO ARISTIDE SARTORIO (Roma 1860 - 1932) MALDONADO DELL'URUGUAY, LA MATTANZA DELLE FOCHE, 8 - 13 MAGGIO 1924 Olio su cartone telato, cm. 59 x 77 Firma, titolo e data, in basso a sinistra Numero di vecchia collezione, al retro Etichette al retro Cornice dorata PROVENIENZA Collezione privata, Arezzo ESPOSIZIONI Prima Mostra Nazionale d'Arte Marinara, Roma, Palazzo delle Esposizioni, 15 novembre 1926 - 15 gennaio 1927, p. 40, n. 30. Giulio Aristide Sartorio, The Anderson Galleries, New York 1927, s.p. n. 61. Sartorio 1924. Crociera della Regia Nave 'Italia' nell'America Latina, Roma, Istituto Italo-Latino Americano, 9 dicembre 1999 - 5 febbraio 2000, a cura di B. Mantura, M.P. Maino e B. Osio, Roma 2000, p. 29, n. 4. Giulio Aristide Sartorio: il realismo plastico fra sentimento ed intelletto, Orvieto, Palazzo Coelli, 8 maggio -18 luglio 2005, a cura di P.A. De Rosa, P.E. Trastulli, p. 75, n. 54. Giulio Aristide Sartorio 1860-1932, Roma, Chiostro del Bramante, 24 marzo - 11 giugno 2006, a cura di R. Miracco, Firenze 2006, p. 265.
Giulio Aristide Sartorio - Scena Biblica (?).

Giulio Aristide Sartorio - Scena Biblica (?).

Originale 1915
Stima:
Base d'asta:

Prezzo:

Prezzo Netto
Numero di lotto: 385
Altre OPERE IN ASTA
Descrizione:
Description Giulio Aristide Sartorio (1860-1932). Scena biblica (?). 1915-1920 ca. China su carta avorio mm. 396x296. Firmata a penna in basso a destra. Bozzetto inedito legato per stile alle illustrazioni di Sibilla (pubbl. Milano, L'Eroica, 1922 ma iniziate verso il 1912-1913) e a quelle di Christus, poema di Fausto Salvadori (composte tra il 1914 e il 1915 e pubblicate postume nel 1932 in un'edizione a tiratura limitata). In questi volumi la trasposizione a rilievo su zinco con effetto xilografico delle chine consentiva all'artista la semplificazione delle immagini nel rapporto bidimensionale del bianco e nero e la sua passione fotografica giustificava il moderno taglio compositivo di molte rappresentazioni, utile a esaltare il carattere drammatico delle scene. Ottima conservazione.
Giulio Aristide Sartorio - Mostri Dissimili

Giulio Aristide Sartorio - Mostri Dissimili

Originale 1900
Stima:

Prezzo:

Numero di lotto: 1150
Altre OPERE IN ASTA
Descrizione:
Sartorio Giulio Aristide Mostri dissimili Fotoincisione e acquaforte mm 280x385 Firmato 1900 Description Sartorio Giulio Aristide (1860 - 1932), Mostri dissimili. 1900 ca. Fotoincisione e acquaforte. mm 280x385. Foglio: mm 480x635. Sartorio (1980), 90 (con il titolo Tigre che divora un mostro marino ). Firmata in controparte sulla lastra in basso a sinistra e a matita in basso a destra. Una delle rare incisioni del celebre artista romano. Bellissima impressione. Ampi margini, ottima conservazione. (1)
Giulio Aristide Sartorio - Tigre In Agguato

Giulio Aristide Sartorio - Tigre In Agguato

Originale 1895
Stima:
Base d'asta:

Prezzo: Non Divulgato
Numero di lotto: 287
Altre OPERE IN ASTA
Descrizione:
Giulio Aristide Sartorio (Roma 1860 - 1932) Tigre in agguato. 1895. Fotoincisione e acquaforte. mm 280x385. Foglio: mm 470x650. Miracco , p.158. Sartorio (1933) , 68. Firmata a matita in basso a destra e in controparte sulla lastra in basso a sinistra. Stato unico conosciuto. Bellissima impressione stampata su carta simil Japon imperiale. Grandi margini, una mancanza nel margine inferiore ed un piccolo foro nel margine a destra largamente fuori dalla parte incisa, per il resto ottima conservazione.

LA BIOGRAFIA DI Giulio Aristide Sartorio

Giulio Aristide SARTORIO , pittore italiano, nasce a Roma nel 1860.Apprende l’arte del disegno dal padre Raffaele e dal nonno Girolamo, scultori di una certa reputazione.
Si perfeziona all’Accademia di Belle Arti, attraverso l’esecuzione di rilievi, copie e imitazioni da affreschi, mosaici, quadri e statue delle basiliche e dei musei romani.
A questa formazione tradizionale si sovrappone la spiccata simpatia per il virtuosismo di Mariano Fortuny, ed esegue quadretti ed acquerelli di ambiente settecentesco.
Con il dipinto Malaria, esposto a Roma nel 1882, si presenta sotto una veste rinnovata, volta ad accenti di verismo umanitario michettiano, ancora più evidenti in seguito, sotto la diretta influenza del maestro abruzzese, sia quando lavora alla pittura del paesaggio, sia quando si impegna negli studi di animali.
Frequenta i circoli letterari della capitale , collabora a “Cronache Bizantine” e nel 1883 stringe amicizia con Gabriele d’Annunzio per cui illustra nel 1886 l’Isotta Guttadauro.
Questo lavoro documenta i suoi interessi, più consistenti dal 1890, per la poetica preraffaellita, con particolare attenzione a Hunt, Millais, Madox Brown più che a Dante Gabriele Rossetti.
Ne nasce la naturale adesione, nel 1893, al gruppo costiano In arte libertas.
Tuttavia la scelta di una malintesa tradizione italiana come opposizione all’impressionismo, perché fondata sull’accademica minuzia della trama disegnativa, conduce l’artista ad una pittura di piglio grandioso, preoccupata di eleganze che non tardano a virare in senso “floreale”, e ridondante di quell’enfasi letteraria cui lo stimola la vena poetica dannunziana.
Il manifesto pericolo del suo allontanarsi dal cero per resuscitare una sorta di ellenismo eroico, è evidente sia dalle illustrazioni per Il Convito di Bosis che nel trittico Le vergini Savie e le vergini stolte, tanto che sia il Costa sia il Michetti cercano di distogliere Sartorio da quest’inclinazione esortandolo ad un viaggio in Inghilterra, che effettua, per conoscere direttamente il preraffaellismo.
Nel 1889 si era recato con Francesco Paolo Michetti a Parigi, dove aveva esposto I figli di Caino, riscuotendo largo successo di critica.
Ritornato in patria e ospite del Michetti a Francavilla, si applica allo studio del paesaggio e degli animali, soprattutto in pastelli o in acqueforti e litografie di cui non esegue tirature.
Tuttavia anche questa produzione è animata da un chiaro taglio decorativo, ricostruita com’è in studio, seppur con spunti dal vero, solo preoccupata di un realismo tutto esteriore.
Presto ritorna al simbolismo estetizzante, epidermica rievocazione di contenuti e moduli classici, del dittico Diana di Efeso e gli schiavi, La Gorgone e gli eroi, 1899.
Ma il lessico sartoriano sta flettendosi dagli stilemi preraffaelliti ad accentuazioni liberty, in parte dovute alla permanenza di quattro anni in Germania (1895-1899) come professore nell’Accademia di Weimar, su invito del Graduca Carlo Alessandro.
Entra in contatto con i simbolisti tedeschi e frequenta la casa di Nietzsche.
Rientrato in Italia svolge una duplice attività, solo apparentemente antitetica ma in realtà abbastanza reciprocamente "legata"” quella di paesista, animatore con Coleman, Giuseppe Raggio e Onorato Carlandi del gruppo dei XXV della Campagna Romana, e l’impegno in grandi lavori di decorazione.
La prima, cui è legata la sua fama maggiore, definitivamente consacrata dall’Esposizione di Venezia nel 1914 dove comparve con 80 tempere, ha per soggetto la campagna laziale e le paludi pontine.
Del secondo aspetto sono documento i fregi allegorici in chiaroscuro per le Biennali veneziane del 1905 e del 1907, i lavori ornamentali per L’Esposizione di Milano, la decorazione simbolico-idealista dell’aula della Camera dei Deputati in Montecitorio (1908-1912) dove celebra la storia d’Italia dall’epoca dei comuni al risorgimento.Del secondo aspetto sono documento i fregi allegorici in chiaroscuro per le Biennali veneziane del 1905 e del 1907, i lavori ornamentali per L’Esposizione di Milano, la decorazione simbolico-idealista dell’aula della Camera dei Deputati in Montecitorio (1908-1912) dove celebra la storia d’Italia dall’epoca dei comuni al risorgimento.Insegna all’Accademia di Belle Arti romana sino al 1915 poi partecipa, volontario, alla grande guerra e ne illustra gli episodi bellici in 27 soggetti il cui obiettivismo manifesta gli interessi del Sartorio per la fotografia e per la carica di astrazione della sua spietata oggettività.Si impegna, addirittura, nel 1918, nella realizzazione di un film, Il mistero di Galatea, ed è sempre più impegnato nella sua attività di critico, di autore di versi e prose; il poema drammatico Sibilla costituisce un tentativo d’integrazione fra arte figurativa e letteratura, dacché versi, tavole, fregi, scrittura del testo, tutto è opera dell’artista.
L’attività postbellica, oltre l’impegno per la decorazione della nuova cattedrale di Messina e le parentesi dei viaggi in Egitto, in Siria e in Palestina, aggiunge al già vasto repertorio del pittore un nuovo soggetto: le replicate immagini dei figli e della moglie, colte sulla spiaggia di Fregene con eleganza liberty e apparente verismo in cui persiste la netta traccia di reminiscenze preraffaellite e il sapore della diafana luce idealistica: Fregene (1917), Mattinata sul mare (1917 c.) e la Famiglia (1919), Si citano ancora le opere Natale di Roma e Autumnalia, Sull’isola sacra e Vittoria di Ostia, Alba sul Tevere a Fiumicino, 1903.

Arcadja LogoProdotti
Abbonamenti
Pubblicità
Aste Sponsorizzate
Abbonamenti

Chi siamo
Il Prodotto
Follow Arcadja on Facebook
Follow Arcadja on Twitter
Follow Arcadja on Google+
Follow Arcadja on Pinterest
Follow Arcadja on Tumblr