Cookies help Arcadja providing its services: browsing the portal you accept their use.
I cookies aiutano Arcadja a fornire i suoi servizi: navigando nel portale ne accettate l'utilizzo.
Cookies disclosure/Informativa cookies

  • Art Auctions, Ventes aux Encheres Art, Kunstauctionen, Subastas Arte, Leilões de Arte, Аукционы искусства, Aste
  • Ricerche
  • Servizi
  • Iscrizione
    • Iscrizione
  • Arcadja
  • Cerca autore
  • Login

Giuseppe Romani

(1654 -  1718 )
ROMANI Giuseppe San Girolamo

Cambi
2-dic-2013
Trova opere d’arte, risultati d’asta e prezzi di vendita dell’artista Giuseppe Romani nelle aste italiane ed internazionali.
Consulta stime ed aggiudicazioni di Giuseppe Romani Segui l'artista con le allerte via mail
Opere in Arcadja
10

Alcune opere di Giuseppe Romani

Estratte tra le 10 opere nel catalogo di Arcadja
Giuseppe Romani - Concerto Popolare Di Musici Vaganti

Giuseppe Romani - Concerto Popolare Di Musici Vaganti

Originale
Stima:

Prezzo:

Prezzo Netto
Numero di lotto: 527
Altre OPERE IN ASTA
Descrizione:
Giuseppe Romani , Como 1654 , 1718
"Concerto popolare di musici vaganti" olio su tela (cm. 154x185,5). In cornice
Bibliografia: A. Mazza "Pitocchi diversi al naturale" Giuseppe Romani, pittore lombardo nel ducato estense, Fondazione Cassa di Risparmio di Cesena, 2012, p.60

"Wandering Musicians", oil on canvas. Framed
Bibliography: A. Mazza "Pitocchi diversi al naturale" Giuseppe Romani, pittore lombardo nel ducato estense, Fondazione Cassa di Risparmio di Cesena, 2012, p.60
Giuseppe Romani - San Girolamo

Giuseppe Romani - San Girolamo

Originale
Stima:

Prezzo:

Numero di lotto: 379
Altre OPERE IN ASTA
Descrizione:
Giuseppe Romani (Como 1654 - Modena 1727)
San Girolamo
olio su tela, 100x82, in cornice dorata originale. Opera provvista di Certificato per la Libera Circolazione
Giuseppe Romani nacque a Como nel 1654. La sua carriera non si svolse però in patria: egli infatti fu attivo per tutta la sua vita a Modena, presso la corte del Ducato Estense. A giudicare dallo stile crudo e realista, la sua formazione dovrebbe essere avvenuta tra Milano, Bergamo e Brescia. Il tipo di pittura che praticò maggiormente fu infatti quello di matrice 'padana': nature morte, scene di pitocchi e, più raramente, soggetti religiosi. Il nostro dipinto rappresenta un San Girolamo penitente sul teschio, suo classico attributo e bell'esempio di natura morta, racchiuso in una tunica rossa da cui il fisico ancora potente del Santo emerge massiccio. La spalla, il braccio ed il pettorale sono begli esempi della naturalezza di Romani, così come la fronte, chiusa a colpi di bianco. Sul dito indice della mano destra si trova un ripensamento palese. La pittura di Romani ha tratti, come detto, padani, ma non solo. Nella pubblicazione del 2012, a cura dello Storico dell'Arte Giuseppe Mazza che ha redatto un catalogo completo per la Fondazione Cassa di Risparmio di Cesena, egli mette questo San Girolamo giustamente in correlazione con i dipinti di Giovanni Peruzzini. Per altri versi, il dipinto potrebbe anche essere accostato alla pittura veneta: un esempio su tutti potrebbe essere quello di Sebastiano Ricci, anche lui attivo a Modena e certamente conoscente del collega di origini comasche. Il dipinto si presenta in ottimo stato di conservazione. Pubbl. in A. Mazza, 'Pitocchi diversi al naturale', Giuseppe Romani, pittore lombardo nel ducato estense, Cesena 2012, p. 47 (riprodotto prima del restauro)
Giuseppe Romani - Scena Con Giocatori E Un Bambino

Giuseppe Romani - Scena Con Giocatori E Un Bambino

Originale
Stima:

Prezzo:

Prezzo Lordo
Numero di lotto: 39
Altre OPERE IN ASTA
Descrizione:
LOT 39

GIUSEPPE ROMANI
COMO 1654/57-1727 MODENA
SCENA CON GIOCATORI E UN BAMBINO

12,000—16,000 EUR
measurements

measurements note
152 x 186 cm.
Description

olio su tela
CATALOGUE NOTE
I due dipinti che qui presentiamo (si veda anche il lotto 38) sono tipici esempi della pittura di Giuseppe Romani, artista comasco di cui si conoscono poche notizie biografiche, ma il cui corpus pittorico si sta definendo in modo sempre più completo. La predisposizione alla pittura di genere e l'attenzione ai temi bassi rivelano che la sua formazione deve essersi svolta in Lombardia prima del trasferimento a Modena, città in cui fu a lungo attivo e dove riscosse un significativo successo anche presso gli ambienti ufficiali, come mostrano le prestigiose destinazioni dei suoi quadri religiosi (Duomo di Modena, la chiesa di San Carlo, la chiesa di San Bartolomeo dei Gesuiti, la chiesa di San Domenico e altre) e il ruolo di direttore dell'Accademia pubblica di pittura svolto verso la fine del secolo. Autore quindi di opere di soggetto sacro, in cui rilevante è la presenza di spunti tratti dalla vita quotidiana e dall'osservazione del dato naturale, Romani deve però la sua fama appunto ai dipinti di genere in cui sono protagonisti giocatori di carte, interni di cucina, ragazzi con sporte, brani di vita quotidiana. Ciò che colpisce nel modo in cui il pittore interpreta i suoi soggetti è la forte partecipazione umana e il desiderio di conferire dignità morale a temi poveri, senza l'ironia e i toni paternalistici tipici invece della tradizione emiliana: "La serietà morale con la quale il Romani presenta i soggetti di genere esclude collusioni con gli ammiccamenti della tradizione emiliana che faceva capo alla comicità del Passerotti e di Annibale Carracci (...) e nello stesso tempo si sottrae alla normalizzazione del tema pauperistico proposta sul piano formale dagli ambienti accademici con la compostezza borghese dei poveri di Giuseppe Gambarini e di Stefano Ghirardini e con il conformismo arcadico-letterario di Antonio Beccadelli (...)" (A. Mazza, "Nuovo collezionismo e antico patrimonio estense. Fratture, relazioni, corrispondenze" in Tesori ritrovati. La pittura del ducato estense nel collezionismo privato, catalogo della mostra, Modena, Chiesa di San Carlo, 24 ottobre 1998 – 10 gennaio 1999, Milano 1998, pp. 33-34).
Siamo grati ad Alessandro Morandotti per aver suggerito l'attribuzione dei dipinti a Giuseppe Romani e ad Angelo Mazza per aver confermato tale attribuzione.
Giuseppe Romani - Ritrovo Di Quattro Ragazzi

Giuseppe Romani - Ritrovo Di Quattro Ragazzi

Originale
Stima:

Prezzo:

Prezzo Netto
Numero di lotto: 528
Altre OPERE IN ASTA
Descrizione:
Giuseppe Romani , Como 1654 , 1718
"Ritrovo di quattro ragazzi" olio su tela (cm. 154x185,5). In cornice
Bibliografia: A. Mazza "Pitocchi diversi al naturale" Giuseppe Romani, pittore lombardo nel ducato Estense Fondazione Cassa di Risparmio di Cesena, 2012, p.61

"Gathering of Four Youngsters", oil on canvas. Framed
Bibliography: A. Mazza "Pitocchi diversi al naturale" Giuseppe Romani, pittore lombardo nel ducato Estense Fondazione Cassa di Risparmio di Cesena, 2012, p.61
Giuseppe Romani - Ragazzo Con Cappello E Giacca Blu, A Mezzo Busto

Giuseppe Romani - Ragazzo Con Cappello E Giacca Blu, A Mezzo Busto

Originale
Stima:

Prezzo:

Prezzo Netto
Numero di lotto: 68
Altre OPERE IN ASTA
Descrizione:
68 Giuseppe Romani (Como 1654 - Modena 1720) Ragazzo con cappello e giacca blu, a mezzo busto olio su tela, cm 59 x 51
Arcadja LogoServizi
Abbonamento
Pubblicità
Aste Sponsorizzate
Abbonamento

Arcadja
Il prodotto
Follow Arcadja on Facebook
Follow Arcadja on Twitter
Follow Arcadja on Google+
Follow Arcadja on Pinterest
Follow Arcadja on Tumblr