Cookies help Arcadja providing its services: browsing the portal you accept their use.
I cookies aiutano Arcadja a fornire i suoi servizi: navigando nel portale ne accettate l'utilizzo.
Cookies disclosure/Informativa cookies

  • Art Auctions, Ventes aux Encheres Art, Kunstauctionen, Subastas Arte, Leilões de Arte, Аукционы искусства, Aste
  • Ricerche
  • Servizi
  • Iscrizione
    • Iscrizione
  • Arcadja
  • Cerca autore
  • Login

Francesco Polazzo

Italy (Venezia 1683 -  1753 )
POLAZZO Francesco Madonna Col Bambino In Gloria, E Angeli

Finarte
16-mag-2007
Trova opere d’arte, risultati d’asta e prezzi di vendita dell’artista Francesco Polazzo nelle aste italiane ed internazionali.
Consulta stime ed aggiudicazioni di Francesco Polazzo Segui l'artista con le allerte via mail
Opere in Arcadja
11

Alcune opere di Francesco Polazzo

Estratte tra le 11 opere nel catalogo di Arcadja
Francesco Polazzo - L'adorazione Dei Magi

Francesco Polazzo - L'adorazione Dei Magi

Originale
Stima:

Prezzo:

Numero di lotto: 84
Altre OPERE IN ASTA
Descrizione:
POLAZZO FRANCESCO (1682-1752)
L'adorazione dei magi
olio su zinco
30x40 cm
Si ringrazia il Professor Ugo Ruggeri per la scheda dell'opera. A parere del Professor Ruggeri si tratta di una bella e autonoma versione della grande tela di eguale soggetto dipinta dall'artista veneziano per la chiesa di Santa Agata del Carmine, a Bergamo, verso il 1735-38 (si veda L. De Rossi, Francesco Polazzo, Venezia/Bergamo 2004, pp. 206-207) Il rame qui esaminato differisce dalla tela bergamasca per numerosissime varianti di composizione e raffigurazione dei personaggi, nonché soprattutto per una stesura cromatica più leggera e frizzante, di gusto apertamente rococò. Simili appaiono, invece, i dati culturali di entrambi i dipinti, tipici del Polazzo, che anche qui mette in opera gli elementi della sua complessa educazione, bilanciata tra i modi di Sebastiano Ricci e quelli di Giovan Battista Piazzetta, attivi su una forte componente emiliana derivante dal suo giovanile soggiorno a Bologna. La datazione è prossima a quella del quadro bergamasco di riferimento, e cioè nel quarto decennio del Settecento. L'eccellente stato di conservazione dell'opera accentua la qualità della sua esecuzione pittorica, tra le più alte e godibili della carriera dell'artista.
Francesco Polazzo - Le Scienze E Le Arti Adducono All'immortalità

Francesco Polazzo - Le Scienze E Le Arti Adducono All'immortalità

Originale
Stima:

Prezzo:

Prezzo Lordo
Numero di lotto: 44
Altre OPERE IN ASTA
Descrizione:
FRANCESCO POLAZZO
VENEZIA 1683-1753
measurements note
340 x 230 cm.
olio su tela, sagomato oil on canvas, shaped

PROVENANCE
Palazzo Zen ai Gesuiti, Venezia.

LITERATURE AND REFERENCES
L. de Rossi, Francesco Polazzo, Bergamo 2004, pp. 80-86 e 216, illustrato tavole XXIII-XXIV (datato circa 1735-1737).

CATALOGUE NOTE
Il quadro proviene da Palazzo Zen ai Gesuiti, un raffinato palazzo di ispirazione rinascimentale che si affaccia sul Rio di Santa Caterina, eretto nel Cinquecento su progetto dello stesso proprietario, Francesco Zen, con la consulenza di Sebastiano Serlio (v. S. Frommel, "Sebastiano Serlio e il palazzo Zen a Venezia" in Annali di architettura
, 13, 2001, pp. 53-69). Le facciate laterali del palazzo, prima del bombardamento del 1849, erano decorate con affreschi di Tintoretto e Andrea Schiavone dedicati all'importante ruolo della famiglia Zen nella politica della Serenissima (v. C. Ridolfi, Le meraviglie dell'arte, Venezia 1648, pp. 15-16). La monumentale tela qui presentanta, raffigurante La Scienza e le Arti adducono all'Immortalità, costituiva il comparto centrale di un variegato ciclo allegorico dipinto per il soffitto della sala d'angolo a sudovest del piano nobile; le tele laterali, entrambe di formato ottagonale, raffiguravano l'una la Giustizia e il Merito
, l'altra la Nobiltà
, la Fortuna e la Ricchezza
. La composizione dell'opera qui esposta è articolata su due fasce: quella inferiore, dedicata alla sfera dell'oggettività, mostra le figure dell'Astronomia
, della Geografia e della Matematic
a. Quella superiore è invece dedicata alle Arti
: la Musica
, l'Architettura
, la Scultura
, la Pittura e la Poesia
. Un gioco di sguardi e di atteggiamenti in un ascendente ritmo compositivo spiraliforme conduce alla sommità, dove appare la figura dell'Immortalità, che regge con la mano sinistra il cerchio, suo attributo iconografico, mentre con la destra indica la luce suprema (v. L. de Rossi, Francesco Polazzo, Bergamo 2004, pp. 84-86).
Francesco Polazzo - Madonna Col Bambino In Gloria, E Angeli

Francesco Polazzo - Madonna Col Bambino In Gloria, E Angeli

Originale
Stima:

Prezzo:

Numero di lotto: 54
Altre OPERE IN ASTA
Descrizione:
LOTTO N. 54
FRANCESCO POLAZZO
Venezia 1682 - 1752
Madonna col Bambino in gloria, e angeli
olio su tela
cm. 57x45
 
Il dipinto è stato pubblicato come opera del Polazzo da Ugo Ruggeri (Francesco Polazzo tra Bergamo e Venezia, in Artisti Lombardi e centri di produzione italiani nel Settecento. Interscambi, modelli, tecniche, committenti, cantieri. Studi in onore di Rossana Bossaglia, Bergamo, 1995, pp. 252-253, fig. 4), che lo ha riconosciuto importante testimonianza dei rapporti tra il pittore veneziano e la cultura figurativa bolognese, alla quale egli è giovanilmente legato come attestano fonti settecentesche quali Anton Maria Zanetti, secondo il quale l'artista "riconosce i documenti dell'insigne studio di Bologna" (Descrizione di tutte le pubbliche pitture della città di Venezia e isole circonvicine, Venezia, 1733, p. 62).L'opera, infatti, è bella versione della parte superiore della Visione di San Giacinto di Ludovico Carracci eseguita nel 1594 per la cappella Turrini in San Domenico a Bologna, in situ fino al trasferimento al Louvre nel 1796, per ordine di Napoleone. Un testo pittorico evidentemente ben noto al Polazzo, non nuovo del resto a rifacimenti anche testuali, o di poco variati, di opere emiliane del secolo d'oro, come nel caso della Sacra Famiglia dello Statens Museum for Kunst di Copenhagen, ispirata ad un originale di Guido Reni (cfr. Ruggeri, 1995, p. 252, fig. 3), e di una Madonna col Bambino in trono, adorata da San Francesco d'Assisi, in collezione privata, versione assai variata della Madonna dei mercanti di Annibale Carracci già nella Cappella dei Mercanti della chiesa di San Prospero a Reggio Emilia, passata nel Seicento nelle collezioni del Duca di Modena e nel 1746 nella Galleria di Dresda (cfr. U. Ruggeri, Bartolomeo Litterini e Francesco Polazzo, in Scritti in memoria di Sandro Sponza, in corso di stampa).L'ancoraggio a testi emiliani, anche qui perfettamente visibile, non esclude del resto il riferimento del Polazzo alle sue maggiori fonti di ispirazione, Giovan Battista Piazzetta e Sebastiano Ricci, alle quali l'artista anche qui palesemente si riferisce nella manovra pittorica di elegante conduzione e stesura e nella calda selezione delle tinte.

 
Comunicazione scritta del professore Ugo Ruggeri (n.d.)BibliografiaU. Ruggeri, Francesco Polazzo tra Bergamo e Venezia, in Artisti Lombardi e centri di produzione italiani nel Settecento, Interscambi, modelli, tecniche, committenti, cantieri. Studi in onore di Rossana Bossaglia, Bergamo, 1995, pp. 251-256.

)
Francesco Polazzo - Il Martirio Di San Lorenzo

Francesco Polazzo - Il Martirio Di San Lorenzo

Originale
Stima:
Base d'asta:

Prezzo:

Numero di lotto: 304
Altre OPERE IN ASTA
Descrizione:
FRANCESCO POLAZZO [Venezia 1683 - 1753]Il martirio di san Lorenzo Olio su tela, 83x64 cm; opera priva di cornice.
Arcadja LogoServizi
Abbonamento
Pubblicità
Aste Sponsorizzate
Abbonamento

Arcadja
Il prodotto
Follow Arcadja on Facebook
Follow Arcadja on Twitter
Follow Arcadja on Google+
Follow Arcadja on Pinterest
Follow Arcadja on Tumblr