Plinio Nomellini

Italy (18661943 ) - Dipinti Wikipedia® - Plinio Nomellini
NOMELLINI Plinio Nei Campi

Galleria Pananti Casa d'Aste /11-lug-2013
2.000,00 - 3.000,00
1.800,00

Trova opere d’arte, risultati d’asta e prezzi di vendita dell’artista Plinio Nomellini nelle aste italiane ed internazionali.
Consulta stime ed aggiudicazioni di Plinio Nomellini Segui l'artista con le allerte via mail

 

Detto anche :

Plinionomellini

 

Opere in Arcadja
151

Alcune opere di Plinio Nomellini

Estratte tra le 151 opere nel catalogo di Arcadja
Plinio Nomellini - Danzatrice Circassa

Plinio Nomellini - Danzatrice Circassa

Originale
Stima:

Prezzo:

Prezzo Netto
Numero di lotto: 523
Altre OPERE IN ASTA
Descrizione:
Plinio Nomellini Danzatrice circassa 1930 ca. Olio su tela altezza: 128,6 cm larghezza: 86,7 cm Plinio Nomellini Livorno 1866 - Firenze 1943 Danzatrice circassa, 1930 ca. Olio su tela, cm. 128,6x86,7 Firma in alto a destra e al verso sul telaio: P. Nomellini: cartiglio con titolo Danzatrice Circassa. Esposizioni: IV Mostra del Sindacato Livornese, Livorno, Bottega d'Arte, ottobre - novembre 1932; Mostra Personale del Pittore Plinio Nomellini, Firenze, Galleria di Palazzo Ferroni, 11 - 17 marzo 1933. Si ringrazia Barbara Nomellini per l'aiuto fornito nella compilazione della scheda.
Plinio Nomellini - Roccia Sul Mare, (1915-20)

Plinio Nomellini - Roccia Sul Mare, (1915-20)

Originale 1915
Stima:

Prezzo:

Numero di lotto: 363
Altre OPERE IN ASTA
Descrizione:
Lotto n. 363 Plinio Nomellini Livorno 1866 - Firenze 1943 Roccia sul mare, (1915-20) Olio su tela, cm. 39,8x23,5 Al verso, su un cartone di supporto, dichiarazione di autenticit� di Laura Nomellini. Si ringrazia Barbara Nomellini per l'aiuto fornito nella redazione della scheda.
Plinio Nomellini - Senza Titolo

Plinio Nomellini - Senza Titolo

Originale
Stima:

Prezzo:

Numero di lotto: 813
Altre OPERE IN ASTA
Descrizione:
Plinio Nomellini Per partecipare all' asta Livorno 1866 - Firenze 1943 Numero lotto: 813 Senza titolo Acquerello su cartoncino, cm. 70×100 Firmato in basso a sinistra. Pubblicato a colori sul “Catalogo della Mostra Retrospettiva, tra ‘800 e ‘900″, Galleria Athena, Novembre 2006, pag. 5 Stima: 9000 / 15000 Massima offerta pervenuta Euro:
Plinio Nomellini - Nei Campi

Plinio Nomellini - Nei Campi

Originale 1888
Stima:

Prezzo:

Prezzo Netto
Numero di lotto: 802
Altre OPERE IN ASTA
Descrizione:
PLINIO NOMELLINI (Livorno, 1866 - Firenze, 1943) Nei campi, (1888-1890) Olio su tavola, cm. 6x22 Firma in basso a destra : P. NomelliniSul verso: antiche etichette con numeri di riferimento; ritaglio di antico catalogo riguardante il dipinto; timbro Galleria d'Arte "La Stanzina".Provenienza: Firenze, Galleria d'Arte "La Stanzina". "La Stanzina".
Plinio Nomellini - Fiori Agli Eroi

Plinio Nomellini - Fiori Agli Eroi

Originale 1910
Stima:

Prezzo:

Prezzo Netto
Numero di lotto: 522
Altre OPERE IN ASTA
Descrizione:
Lotto n. 522 Plinio Nomellini Livorno 1866 - Firenze 1943 Fiori agli Eroi, 1910-1912 Olio su tela, cm. 84,5x96,5 Firma in alto a destra: P. Nomellini. Al verso sulla tela: cartiglio con dichiarazione di autenticità e due timbri Giovanni Gentile, Milano; sul telaio: etichetta Plinio Nomellini con titolo autografo "Date fiori agli eroi". Storia Collezione privata,Torino; Collezione privata Cartolina postale che riproduce il dipinto, datata 24 maggio 1915 (in fotocopia). Bibliografia Vittorio Pica, Artisti contemporanei. Plinio Nomellini, in "Emporium", vol. XXXVIII, n. 228, Bergamo, dicembre 1913; Teresa Fiori, Archivi del Divisionismo, volume secondo, saggio introduttivo di F. Bellonzi, Officina Edizioni, Roma, 1968, pp. 80, 216, n. IV.91, tav. 1082 (opera datata 1905-08). Si ringrazia Barbara Nomellini per l'aiuto fornito nella redazione della scheda.

LA BIOGRAFIA DI Plinio Nomellini

Plinio NOMELLINI , artista italiano, nato a Livorno nel 1866.
Nel 1875 a Livorno si iscrive alla scuola d’Arte e Mestieri e contemporaneamente ai corsi di ornato e figura tenuti dal pittore Natale Betti.
Con l’aiuto del Betti ottiene, nel 1885, una borsa di studio per l’Accademia di Belle Arti di Firenze, dove è allievo di Giovanni Fattori, che segna profondamente la formazione del giovane Novellini, al quale lo legherà una solida e lunga amicizia.
A Firenze Nomellini ha anche l’occasione di conoscere Telemaco Signorini e Silvestro Lega, diventando uno degli esponenti della pittura macchiaiola.
Nel 1890 si trasferisce a Genova, dove si compie la formazione ideologica di NovelliniA Genova si avvicina agli ambienti del socialismo rivoluzionario e nel 1894 fonda il "Gruppo di Albaro", unitamente ad un gruppo di giovani amici artisti fra i quali: Angelo Balbi, Angelo Costa, Eugenio Olivari, Federico Maragliano, Giuseppe Pannasilico.
Negli anni successivi, fino al 1902, da vita ad una stagione artistica particolarmente rilevante per Genova.
Nel 1902 lascia Genova per stabilirsi a Torre del Lago, alla ricerca di pace e tranquillità, condizioni essenziali per la sua ricerca interiore.
Espone alla Quadriennale di Torino e via via alle più importanti esposizioni nazionali ed internazionali: nel 1904 all’Eesposizione di Saint Louis, nel 1909 al Salon parigino e a Monaco all’esposizione Internazionale.
Nel 1907 partecipa alla Biennale di Venezia, insieme Galileo Chini, De Albertis e Previati, allestendo la “Sala del Sogno”.
Nel 1908 si trasferisce a Fossa dell’Abate (odierno Lido di Camaiore).
Terminata la prima guerra mondiale, nel 1919, Nomellini si trasferisce nuovamente a Firenze, a Poggio Imperiale, effettuando negli anni successivi diversi soggiorni a Capri, all’Isola d’Elba e ad Ischia.
Collabora per i quotidiani toscani “La nazione” e “Il telegrafo”.
Nomellini è stato uno dei massimi esponenti della pittura macchiaiola e soprattutto divisionista, della quale diede una personale interpretazione sostituendo al puntinismo una pennellata filamentosa.
Allievo di Fattori, l’artista è conosciuto per i paesaggi, le marine, i dipinti di figura, i soggetti garibaldini, nonché per composizioni a sfondo sociale e allegorico.
Con il dipinto "Fienaioli" del 1888 conservato al Museo G.
Fattori, raggiunse una sua personale concezione del colore e dello spazio, tale da suscitare scalpore e ammirazione all’Esposizione Universale di Parigi del 1889.
Muore a Firenze nel 1943.

Arcadja LogoProdotti
Abbonamenti
Pubblicità
Aste Sponsorizzate
Abbonamenti

Chi siamo
Il Prodotto
Follow Arcadja on Facebook
Follow Arcadja on Twitter
Follow Arcadja on Google+
Follow Arcadja on Pinterest
Follow Arcadja on Tumblr