Cookies help Arcadja providing its services: browsing the portal you accept their use.
I cookies aiutano Arcadja a fornire i suoi servizi: navigando nel portale ne accettate l'utilizzo.
Cookies disclosure/Informativa cookies

  • Art Auctions, Ventes aux Encheres Art, Kunstauctionen, Subastas Arte, Leilões de Arte, Аукционы искусства, Aste
  • Ricerche
  • Servizi
  • Iscrizione
    • Iscrizione
  • Arcadja
  • Cerca autore
  • Login

Marino Marini

Italy (Pistoia 1901 -  Viareggio 1980 ) Wikipedia® : Marino Marini
MARINI Marino Scomposizione

Galleria Pace /25-feb-2016
1.200,00 - 2.400,00
Non Divulgato

Trova opere d’arte, risultati d’asta e prezzi di vendita dell’artista Marino Marini nelle aste italiane ed internazionali.
Consulta stime ed aggiudicazioni di Marino Marini Segui l'artista con le allerte via mail

 

Detto anche :

Marinomarini

 

Opere in Arcadja
2594

Alcune opere di Marino Marini

Estratte tra le 2,594 opere nel catalogo di Arcadja
Marino Marini - Cavallo

Marino Marini - Cavallo

Originale
Stima:

Prezzo:

Numero di lotto: 34
Altre OPERE IN ASTA
Descrizione:
MARINO MARINI (Pistoia 1901 - Viareggio 1980 – Biografia su Wikipedia ) “Cavallo” Incisione su carta cm. 35,00x25,00 Firma in basso a destra, prova di stampa in basso a sinistra. Verbale di perizia su foto rilasciato dalla Galleria Pace a firma di Gimmi Stefanini, perito d'arte del Tribunale di Milano e della Procura della Repubblica Svizzera, Lugano.
Marino Marini - From Shakespeare
Il Cavaliere

Marino Marini - From Shakespeare Il Cavaliere

Originale 1978
Stima:

Prezzo:

Numero di lotto: 539
Altre OPERE IN ASTA
Descrizione:
MARINO MARINI (1901-1980) Guido e Giorgio Guastalla, Luigi Toninelli, Cartella "Marino Marino, Tre Epoche" From Shakespeare Il Cavaliere 1978 serigrafia cm 40x29,5 (cm 70x49 dimensioni complete) esemplare 85/90 firmato in basso a destra numerato in basso a sinistra titolato in basso al centro stampato da Grapholith, Parigi Guido e Giorgio Guastalla, Luigi Toninelli, Portfolio "Marino Marino, Tre Epoche" From Shakespeare Il Cavaliere 1978 silkscreen 15,7x11,6 in (27,5x19,2 in overall dimension) edition 85/90 signed lower right numbered lower left titled lower center printed by Grapholith, Paris
Marino Marini - Cavallo E Cavaliere

Marino Marini - Cavallo E Cavaliere

Originale 1980
Stima:
Base d'asta:

Prezzo:

Numero di lotto: 17
Altre OPERE IN ASTA
Descrizione:
MARINI MARINO (1901 - 1980) Cavallo e cavaliere. Penna, inchiostro e gouache su carta. Cm 21,50 x 27,00. Firma in basso a destra. Al retro, sul cartone di supporto, reca il cartiglio dello Studio Guastalla, Milano. Opera archiviata presso la Fondazione Marino Marini, Pistoia, come da documentazione fotografica allegata all'opera riportante il relativo numero d'inventario. . Cornice presente
Marino Marini - Scomposizione

Marino Marini - Scomposizione

Originale
Stima:

Prezzo: Non Divulgato
Numero di lotto: 40
Altre OPERE IN ASTA
Descrizione:
MARINO MARINI (Pistoia 1901 - Viareggio 1980 – Biografia su Wikipedia ) “Scomposizione” “Scomposizione” Puntasecca, acquatinta a 5 colori cm. 50,00x71,00 Dalla cartella "La Ribalta", puntasecca, acquatinta a 5 colori, cm. 50x71 (foglio), cm. 39x33 (lastra). Firma in basso a destra, tiratura in basso a sinistra 53/75.
Marino Marini - Figure Astratte

Marino Marini - Figure Astratte

Originale
Stima:

Prezzo:

Numero di lotto: 48
Altre OPERE IN ASTA
Descrizione:
MARINI MARINO - Nato a Pistoia nel 1901. Morto a Viareggio (Lucca) nel 1980. Acquaforte su carta raff. ''FIGURE ASTRATTE''. Firmata in basso a destra. Esemplare 22/60. In cornice. Nel 1917 si iscrive all'Accademia delle Belle Arti di Firenze, frequentando i corsi di pittura di Galileo Chini e quelli di scultura di Domenico Trentacoste. Nel 1919 si reca per la prima volta a Parigi, dove entra in contatto con le nuove tendenze del mondo dell'arte. Tornato in Italia, comincia a praticare la pittura e l'incisione, legandosi alla tradizione figurativa di fine Ottocento e in particolare all'opera di Medardo Rosso. Già dal 1922 decide di dedicarsi alla scultura e comincia a partecipare ad una serie di esposizioni che decreteranno la sua fama. Nel 1926 apre uno studio a Firenze, ma nel '29 decide di trasferirsi a Milano, che considera la città più europea d'Italia. Nello stesso anno inizia a lavorare per la Scuola d'arte ISIA, nella Villa Reale di Monza, dove gli viene assegnata la cattedra di scultura. Il 1932 è l'anno della sua definitiva consacrazione. espone sia a Milano che a Roma e diviene membro onorario dell'Accademia di Belle Arti di Firenze. Nel 1940 lascia Monza per diventare professore alla facoltà di scultura dell'Accademia di Torino e l'anno successivo a quella di Milano. Durante la guerra si rifugia in Svizzera, nei pressi di Locarno, città natale della moglie, dove continua a lavorare ed esporre. Sua la scultura 'L'angelo della città', comprata da Peggy Guggenheim e installata a Venezia, davanti al suo museo. Mis. Lung. cm. 34.2 Alt. cm. 39.4 ca.

LA BIOGRAFIA DI Marino Marini

MARINI Marino nato nel 1901 a Pistoia (Toscana).
Molto giovane, seguiì dei corsi all'Accademia di Belle Arti di Firenze.
S'interessò alla scultura di Menardo Rosso.
Aveva 18 anni quando, in occasione di un soggiorno a Parigi, scoprì le nuove tendenze dell'arte moderna, di cui tenterà di fare una sintesi con la sua ammirazione verso le statue antiche (etrusche e romane).
Incontrò De Chirico, De Pisis, Magnelli, Campigli, Braque, Picasso, Henri Laurens, Julio Gonzales, Tanguy.
Verso la fine degli anni '20 produsse le sue prime opere significative.
A partire dal 1936 inizierà la sua interminabile serie di "Cavalieri", intorno ai quali si consolida l'essenza della sua opera, il cavaliere diventava sempre più un tutt'uno con la sua cavalcatura.
Non ancora trentenne, diventò professore alla Scuola d'Arte della Villa Reale a Monza, fino al 1940.
Nello stesso anno, fu nominato professore di scultura all'Accademia di Brera (Milano).
Durante la seconda guerra mondiale, s'installò in Svizzera, dove incontrò Giacometti, Wotruba e Germane Richier, prima di ritornare a Milano nel 1946.
Nel 1950, Marino Marini soggiornò a New York ; conobbe Jean Arp, Calder e Lipchitz.
La sua carriera artistica sarà segnata da numerose esposizioni, numerosi riconoscimenti tra cui ricordiamo in particolare il premio di scultura alla Biennale di Venezia nel 1952.
Molto presto Marino Marini trasgredisce le sue referenze stilistiche in favore dell'espressione di una profonda umanità ; già nel 1935, l'artista spiegava:"E' profondamente artistica l'opera, che ricerca le sue sorgenti dalla natura, di cui è capace di farne astrazione e di trascenderle in quanto l'arte è perfetta allucinazione".
Marini lavorerà anche, come Degas, su delle serie di "Giocolieri" e di "Danzatrici".
Apporterà anche delle risposte personali al problema del ritratto nella scultura ( ritratti di Campigli, Stravinsky, Henry Miller, Arp, Chagall, Henry Moore, etc.).
Già durante l'adolescenza realizzerà delle incisioni, poi delle litografie a partire dal 1942 ; vi riprese i suoi temi prediletti.
La sua opera pittorica e grafica, si esprime attraverso una gamma vasta di colori violenti.
Marino Marini è un'artista d'atelier, appassionato del suo lavoro, uomo discreto che non ha mai acconsentito di promuovere o pubblicizzare la sua opera, ma unicamente preoccupato di portare avanti le sue rigorose ricerche.
Si tratta di un'opera il cui approccio si merita.
Per anni tale approccio era quello di un gruppo di iniziati, oggi invece e riconosciuto e celebrato nel mondo intero.
Marino Marini è morto a Viareggio (Toscana) nel 1980.

Arcadja LogoServizi
Abbonamento
Pubblicità
Aste Sponsorizzate
Abbonamento

Arcadja
Il prodotto
Follow Arcadja on Facebook
Follow Arcadja on Twitter
Follow Arcadja on Google+
Follow Arcadja on Pinterest
Follow Arcadja on Tumblr