Marino Marini

Italy (Pistoia 1901Viareggio 1980 ) - Stampe Wikipedia® - Marino Marini
MARINI Marino Vivacità - Stabilità

Viviani (Saletta Viviani) /3-mag-2014
Non Divulgato
In elaborazione

Trova opere d’arte, risultati d’asta e prezzi di vendita dell’artista Marino Marini nelle aste italiane ed internazionali.
Consulta stime ed aggiudicazioni di Marino Marini Segui l'artista con le allerte via mail

 

Detto anche :

Marinomarini

 

Opere in Arcadja
2201

Alcune opere di Marino Marini

Estratte tra le 2,201 opere nel catalogo di Arcadja
Marino Marini - Guerriero

Marino Marini - Guerriero

Originale 1971
Stima:
Base d'asta:

Prezzo:

Numero di lotto: 9
Altre OPERE IN ASTA
Descrizione:
Marino Marini Guerriero 1971 ACQUAFORTE altezza: 37,7 cm larghezza: 50,5 cm MARINO MARINI Pistoia 1901 – Viareggio 1980 Guerriero 1971 Acquaforte es.53/60. Firma in b. a d.; in b. a s. timbro a secco Luigi De Tullio Stampatore. (37,7 x 50,5 foglio – 31,8 x 41,6 inc.) Tiratura: 130 es. num. arabi su carta Velin d’’’’Arches + XXX es. num. romani su carta Magnani. Pubbl. : “Marino Marini Catalogo ragionato dell’’’’Opera grafica (Incisioni e Litografie) 1919-1980” a cura di Giorgio e Guido Guastalla, Edizioni Graphis Arte, Livorno, 1990, p.214, A 129.
Marino Marini - Passaggio

Marino Marini - Passaggio

Originale 1975
Stima:

Prezzo:

Prezzo Netto
Numero di lotto: 4
Altre OPERE IN ASTA
Descrizione:
Marino Marini Passaggio 1975 ACQUAFORTE E ACQUATINTA A COLORI altezza: 76 cm larghezza: 56,5 cm Marino Marini Pistoia 1901 - Viareggio 1980 Passaggio, 1975 Acquaforte e acquatinta a colori, es. 30/75, cm. 53x42,5 (lastra), cm. 76x56,5 (carta) Firma a matita sul margine in basso a destra: Marino, tiratura in basso a sinistra: 30/75. Tavola IV dell'album München 1976. Tiratura di 75 esemplari in numeri arabi, 25 in numeri romani e 12 prove d'artista. Editore Albra, Torino, 1976; stampatore Il Cigno, Roma. Bibliografia: Guido Guastalla, Giorgio Guastalla, Marino Marini. Catalogo ragionato dell'Opera grafica (Incisioni e Litografie) 1919-1980, Edizioni Graphis Arte, Livorno, 1990, pp. 220, 256, n. A 182.
Marino Marini - Architettura In Grigio

Marino Marini - Architettura In Grigio

Originale 1956
Stima:

Prezzo:

Prezzo Lordo
Numero di lotto: 27
Altre OPERE IN ASTA
Descrizione:
Opera registrata presso la Fondazione Marino Marini, Pistoia, con il n. 68 Opera accompagnata da certificato su fotografia rilasciato dalla Fondazione Marino Marini, Pistoia Collezione dell'artista Galleria Falsetti, Prato Galleria Gissi, Torino Galleria Toninelli, Milano Ivi acquistato dall'attuale proprietario nel 1996 Zurigo, Kunsthaus, Marino Marini, 1962 (etichetta a retro) OPERE DA UNA COLLEZIONE PRIVATA ITALIANA Marino Marini 1901 - 1980 ARCHITETTURA IN GRIGIO SIGNED AND DATED 1956, TEMPERA, PENCIL AND INK ON PAPER APPLIED ON CANVAS firmato e datato 1956 tempera, matita e china su carta applicata su tela cm 92x72 Eseguito nel 1955-56
Marino Marini - Vivacità - Stabilità

Marino Marini - Vivacità - Stabilità

Originale 1972
Stima:
Base d'asta:

Prezzo:

Numero di lotto: 17
Altre OPERE IN ASTA
Descrizione:
Marino Marini Vivacità - Stabilità 1972 ACQUAFORTE altezza: 50,5 cm larghezza: 37,7 cm 2 MARINO MARINI Pistoia 1901 – Viareggio 1980 Lotto composto da 2 opere: - Vivacità 1972 Acquaforte es.103/130. Firma in b. a d.; in b. a s. timbro a secco Luigi De Tullio Stampatore. (50,5 x 37,7 foglio – 15,3 x 12,5 inc.) Tiratura: 130 es. num. arabi su carta Velin d’’’’Arches + XXX es. num. romani su carta Magnani. Pubbl. : “Marino Marini Catalogo ragionato dell’’’’Opera grafica (Incisioni e Litografie) 1919-1980” a cura di Giorgio e Guido Guastalla, Edizioni Graphis Arte, Livorno, 1990, p.216, A 150. - Stabilità 1972 Acquaforte es.105/130. Firma in b. a d.; in b. a s. timbro a secco Luigi De Tullio Stampatore. (50,5 x 37,7 foglio – 15,4 x 12,4 inc.) Tiratura: 130 es. num. arabi su carta Velin d’’’’Arches + XXX es. num. romani su carta Magnani. Pubbl. : “Marino Marini Catalogo ragionato dell’’’’Opera grafica (Incisioni e Litografie) 1919-1980” a cura di Giorgio e Guido Guastalla, Edizioni Graphis Arte, Livorno, 1990, p.216, A 151.
Marino Marini - Giocondo

Marino Marini - Giocondo

Originale 1977
Stima:
Base d'asta:

Prezzo:

Numero di lotto: 18
Altre OPERE IN ASTA
Descrizione:
MARINO MARINI Pistoia 1901 – Viareggio 1980 Giocondo 1977 Acquaforte e acquatinta a colori es.70/90. Firma in b. a d. (73 x 57 foglio – 49,5 x 36,5 inc.) L’’’’opera fa parte della cartella “Triade” pubblicata nel 1977 dall’’’’Atelier Fratelli Crommllynck, Parigi su carta Arches. Tiratura: 90 es. num. arabi + XX es. num. romani + 10 es. riservati all’’’’artista es.EA + 5 es.HC destinati alla Biblioteca Nazionale. Pubbl.: “Marino Marini catalogo ragionato dell’’’’Opera grafica (incisioni e litografie 1919 – 1980)” a cura di Giorgio e Guido Guastalla, Edizioni Graphis Arte, Livorno, p.221-A196.

LA BIOGRAFIA DI Marino Marini

MARINI Marino nato nel 1901 a Pistoia (Toscana).
Molto giovane, seguiì dei corsi all'Accademia di Belle Arti di Firenze.
S'interessò alla scultura di Menardo Rosso.
Aveva 18 anni quando, in occasione di un soggiorno a Parigi, scoprì le nuove tendenze dell'arte moderna, di cui tenterà di fare una sintesi con la sua ammirazione verso le statue antiche (etrusche e romane).
Incontrò De Chirico, De Pisis, Magnelli, Campigli, Braque, Picasso, Henri Laurens, Julio Gonzales, Tanguy.
Verso la fine degli anni '20 produsse le sue prime opere significative.
A partire dal 1936 inizierà la sua interminabile serie di "Cavalieri", intorno ai quali si consolida l'essenza della sua opera, il cavaliere diventava sempre più un tutt'uno con la sua cavalcatura.
Non ancora trentenne, diventò professore alla Scuola d'Arte della Villa Reale a Monza, fino al 1940.
Nello stesso anno, fu nominato professore di scultura all'Accademia di Brera (Milano).
Durante la seconda guerra mondiale, s'installò in Svizzera, dove incontrò Giacometti, Wotruba e Germane Richier, prima di ritornare a Milano nel 1946.
Nel 1950, Marino Marini soggiornò a New York ; conobbe Jean Arp, Calder e Lipchitz.
La sua carriera artistica sarà segnata da numerose esposizioni, numerosi riconoscimenti tra cui ricordiamo in particolare il premio di scultura alla Biennale di Venezia nel 1952.
Molto presto Marino Marini trasgredisce le sue referenze stilistiche in favore dell'espressione di una profonda umanità ; già nel 1935, l'artista spiegava:"E' profondamente artistica l'opera, che ricerca le sue sorgenti dalla natura, di cui è capace di farne astrazione e di trascenderle in quanto l'arte è perfetta allucinazione".
Marini lavorerà anche, come Degas, su delle serie di "Giocolieri" e di "Danzatrici".
Apporterà anche delle risposte personali al problema del ritratto nella scultura ( ritratti di Campigli, Stravinsky, Henry Miller, Arp, Chagall, Henry Moore, etc.).
Già durante l'adolescenza realizzerà delle incisioni, poi delle litografie a partire dal 1942 ; vi riprese i suoi temi prediletti.
La sua opera pittorica e grafica, si esprime attraverso una gamma vasta di colori violenti.
Marino Marini è un'artista d'atelier, appassionato del suo lavoro, uomo discreto che non ha mai acconsentito di promuovere o pubblicizzare la sua opera, ma unicamente preoccupato di portare avanti le sue rigorose ricerche.
Si tratta di un'opera il cui approccio si merita.
Per anni tale approccio era quello di un gruppo di iniziati, oggi invece e riconosciuto e celebrato nel mondo intero.
Marino Marini è morto a Viareggio (Toscana) nel 1980.

Arcadja LogoProdotti
Abbonamenti
Pubblicità
Aste Sponsorizzate
Abbonamenti

Chi siamo
Il Prodotto
Follow Arcadja on Facebook
Follow Arcadja on Twitter
Follow Arcadja on Google+
Follow Arcadja on Pinterest
Follow Arcadja on Tumblr