Cookies help Arcadja providing its services: browsing the portal you accept their use.
I cookies aiutano Arcadja a fornire i suoi servizi: navigando nel portale ne accettate l'utilizzo.
Cookies disclosure/Informativa cookies

  • Art Auctions, Ventes aux Encheres Art, Kunstauctionen, Subastas Arte, Leilões de Arte, Аукционы искусства, Aste
  • Ricerche
  • Servizi
  • Iscrizione
    • Iscrizione
  • Arcadja
  • Cerca autore
  • Login

Alessandro Magnasco Il Lissandro

Italy (Genua 1667 -  Genua 1749 )
MAGNASCO IL LISSANDRO Alessandro Frati Benedettini In Meditazione

Cambi /19-mag-2015
32.000,00 - 35.000,00
34.000,00

Trova opere d’arte, risultati d’asta e prezzi di vendita dell’artista Alessandro Magnasco Il Lissandro nelle aste italiane ed internazionali.
Consulta stime ed aggiudicazioni di Alessandro Magnasco Il Lissandro Segui l'artista con le allerte via mail

 

Detto anche :

Magnasco Alessandro

Il Lissandrino

 

Opere in Arcadja
291

Alcune opere di Alessandro Magnasco Il Lissandro

Estratte tra le 291 opere nel catalogo di Arcadja
Alessandro Magnasco Il Lissandro - Il Porto Di Genova (allegoria Della Forza)

Alessandro Magnasco Il Lissandro - Il Porto Di Genova (allegoria Della Forza)

Originale
Stima:
Base d'asta:

Prezzo:

Numero di lotto: 100
Altre OPERE IN ASTA
Descrizione:
ALESSANDRO MAGNASCO DETTO IL LISSANDRINO Genova 04/02/1667 - Genova 12/03/1749 Il porto di Genova (allegoria della forza) Olio su tela, cm 113x125,5. Il dipinto si ricollega ad una serie di opere del Magnasco già note, in particolare nella tela con "L'imbarco dei galeotti nel porto di Genova" nel museo di Bordeaux; in realtà il soggetto dell'opera non sono i galeotti ma è l'affaccendarsi dei lavoratori in un porto dominato dalla statua di Ercole. Proprio la presenza di Ercole allude alla forza e al vigore; infatti tutti i personaggi sono intenti a lavori pesanti, trascinando, tirando, spingendo oggetti pesanti. Il quadro è pubblicato nell'ampia monografia dedicata al pittore da Laura Muti e Daniele De Sarno Prignano "Alessandro Magnasco" Faenza, 1994.
Alessandro Magnasco Il Lissandro - San Paolo Eremita Nel Deserto

Alessandro Magnasco Il Lissandro - San Paolo Eremita Nel Deserto

Originale -
Stima:

Prezzo:

Numero di lotto: 110
Altre OPERE IN ASTA
Descrizione:
Magnasco Alessandro , Genova 1667 , 1749 e Carlo Antonio Tavella (Milano 1668 - Genova 1738) "San Paolo eremita nel deserto" olio su tela (cm 100x154,5) In cornice antica in legno intagliato e dorato a volute e frutti. Provenienza nostra asta numero 61, lotto numero 380. Bibl: B.Geiger "Magansco" Bergamo 1960, pag. 78, autentica su fotografia di Antonio Morassi in data 1960, allegata scheda attributiva di Anna Orlando in data 2016. "St. Paul the heremit" oil on canvas. Framed Allegata scheda critico/attributiva della Dott.ssa Anna Orlando
Alessandro Magnasco Il Lissandro - Soldati Accampati Fra Le Rovine

Alessandro Magnasco Il Lissandro - Soldati Accampati Fra Le Rovine

Originale
Stima:

Prezzo: Non Divulgato
Numero di lotto: 360
Altre OPERE IN ASTA
Descrizione:
ALESSANDRO MAGNASCO (1667-1749) Soldati accampati fra le rovine Indovini, cantastorie e pulcinella tra le rovine Olio su tela, cm 55 x 70 ciascuno Bibliografia: A. Morandotti, Cinque pittori del Settecento. Ghislandi, Crespi, Magnasco, Bazzani, Cerruti, catalogo della mostra, Roma 1943, p. 54, tav. 31-32 M. Pospsil, Magnasco, 1944, p. 82, tavv. 114-115 B. Geiger, Magnasco. Catalogo delle pitture, Venezia 1945, p. 62 Mostra del Magnasco, catalogo a cura di A. Morassi, Genova 1949, nn. 14-15, figg. 16-17 B. Geiger, Magnasco, 1949, p. 132 G. Gamulin, Per Alessandro Magnasco, in "Commentari", XIII, 1962, p. 66 L. Muti, D. De Sarno Prignano, Alessandro Magnasco, Faenza 1994, figg. 541 cat. 299 e cat. 300 Note già dagli anni Quaranta del secolo scorso, momento di approfondite ricerche sul Magnasco e della vera riscoperta critica della figura di questo straordinario protagonista della scuola pittorica genovese, furono esposte sia alla mostra del 1943 a Roma, sia a quella curata da Antonio Morassi del 1949 a Genova, quando si trovavano nella collezione romana di S.E. Vittorio Cerruti. Si tratta quindi di opere molto significative per la loro ricca e autorevole bibliografia, che le ha fin da subito presentate nell'ambito di due questioni centrali per la comprensione dell'opera del Magnasco. Da un lato quella iconografica dall'altro, la problematica dei rapporti di collaborazioni con altri pittori. Per ciò che riguarda il primo aspetto, considerate "tra le più sapide piccole scene del genere zingaresco dipinte dal Lissandrino", secondo il Morassi (1947), esse rientrano in quella singolare produzione di scene di genere in cui il pittore indaga la società del suo tempo nelle sua vaste zone d'ombra, popolate di emarginati, poveri, nulla facenti. In una delle sue scene vediamo protagonisti dei soldati, ritratti non certo in una delle loro eroiche azioni di battaglia, ma piuttosto intenti a passare il trascorre inesorabile del tempo nella noia, completamente inutili a se stessi e agli altri. La seconda scena mostra dei gruppi di teatranti di strada intenti forse a provare un spettacolo. Sono per il Magnasco tra i protagonisti di una larga fetta sociale di cui egli sottolinea, come nel primo caso, l'emarginazione e l'inutilità. L'aspra critica del Magnasco è nei confronti di un mondo di cui egli percepisce - e amplifica con la sua pittura severa- forti e inequivocabili segnali di sfacelo. Questo frantumarsi dei valori si ripercuote su una pittura sfatta, fatta di pennellate nervose, che si fondano su una linea spezzata, franta, vibrante. E pertanto di grande fascino e di assoluta modernità. Questa inconfondibile sigla stilistica si percepisce qui nelle figure,mentre una diversa stesura caratterizza le architetture del fondo. Esse costituiscono il fondale scenico su cui il Magnasco interviene con la sua composizione animata da tante piccole figure, e la critica ha ipotizzato che si potesse trattare del Perugini (Pospisil e Morassi) o di Clemente Spera (Geiger) o più recentemente di un collaboratore dello stesso Spera (Muti, De Sarno Prignano). Anna Orlando
Alessandro Magnasco Il Lissandro - Frati Benedettini In Meditazione

Alessandro Magnasco Il Lissandro - Frati Benedettini In Meditazione

Originale
Stima:
Base d'asta:

Prezzo:

Prezzo Netto
Numero di lotto: 160
Altre OPERE IN ASTA
Descrizione:
Alessandro Magnasco (Genova 1667-1749) Frati benedettini in meditazione olio su tela, 59x49 Expertise di Camillo Manzitti Il dipinto è certamente uno dei più tipici esemplari autografi, appartenenti a quel ciclo delle cosiddette fraterie, che rappresenta il filone figurativo più frequentato dal genial e pittore genovese Alessandro Magnasco. L'opera evidenzia il grande virtuosismo pittorico raggiunto dall'artista negli anni intorno al 1715, quando la sua pennellata si fa guizzante e rapidissima nel costruire le forme con grande sintesi pittorica, applicando il colore con tocchi franchi e corposi sulle sole parti più espressive delle figure stagliate sulla preparazione bruna del fondo, lasciato irrisolto nella funzione di completarne i tratti somatici, nonchè a costruire le ombre che imprimono alla composizione ritmo e vivacità...
Alessandro Magnasco Il Lissandro - Paesaggio Con Lavandaie

Alessandro Magnasco Il Lissandro - Paesaggio Con Lavandaie

Originale
Stima:

Prezzo:

Numero di lotto: 419
Altre OPERE IN ASTA
Descrizione:
Magnasco Alessandro , Genova 1667 , 1749 e aiuti (attr.) "Paesaggio con lavandaie" olio su tela (cm 77x112). In cornice Il dipinto di Alessandro Magnasco che qui si presenta � al pari di quello al lotto 456, di identica provenienza � raffigura un fiume le cui rive sono popolate di piccole figure intente alle pi� diverse attivit�. Nel nostro caso sono raffigurate delle lavandaie. Per l�esecuzione del paesaggio, Magnasco spesso si avvalse di collaboratori. I nostri due dipinti, esposti l�uno accanto all�altro, offrono la preziosa opportunit� di rilevare le differenze nella condotta dello sfondo. Nel nostro "Paesaggio con lavandaie" alle spalle delle donne l�orizzonte si apre su un�ampia vallata. La pennellata � nervosa, elettrica, costruisce le forme in gran velocit� e stende i tocchi di luce in lunghi tratti sottili. Il paesaggio arcadico si tramuta in un mondo inquieto, dove in lontananza compare il profilo di una citt� diafana e biancastra, formata di case di cristallo. Sulla sinistra, quasi un�unica potentissima pennellata, una montagna aguzza si innalza all�improvviso come un�onda per poi sgretolarsi nella luce lunare. Non vi � dubbio che questo paesaggio spetta alla stessa mano che ha eseguito anche le figure con pari attitudine visionaria, ovvero al Magnasco stesso. A dimostrazione di quanto affermato, si veda un�altra versione dello stesso tema conservata all�Allen Memorial Art Museum di Oberlin (Ohio), dove le stesse figure di lavandaie si stagliano contro uno sfondo pi� calmo e sereno ma di tutt�altra forza, eseguito � questo s� � da un collaboratore.

LA BIOGRAFIA DI Alessandro Magnasco Il Lissandro

Alessandro MAGNASCO Il Lissandrino , pittore italiano, nasce a Genova il 4 febbraio 1667.
Con la morte del padre Stefano, Magnasco venne affidato a un mercante della sua città natale che, intorno al 1682 , lo condusse a Milano come allievo di Filippo Abbiati; qui venne influenzato soprattutto dalla coeva pittura veneziana.
Suoi primi lavori, secondo le fonti, sono stati i ritratti, un genere abbandonato presto per dedicarsi a paesaggi con scene animate da piccole figure allampanate di frati, zingari, boscaioli e saltimbanchi inserite in grandi e tetri scenari, ricorrendo soprattuto a fondali con paesaggi burrascosi o tenebrose scenografie conventuali.
Dal 1703 al 1710 Magnasco fu a Firenze al servizio di colui che diverrà l'ultimo Granduca di Toscana della stirpe medicea: Gian Gastone secondogenito di Cosimo III.
Magnasco a Firenze s'imbatté in una serie di pittori e incisori che tra il Seicento e il Settecento si erano dedicati allo sviluppo del genere cosiddetto della pittura "caricata e giocosa", tutti frequentatori della corte degli ultimi granduchi medicei.
Nel 1711, tornato a Milano, fu chiamato ad eseguire la decorazione per l'entrata trionfale dell'Imperatore Carlo VI.
Tra il 1720 e il 1725 dipinse per il conte Colloredo, governatore di Milano, nove quadri, tra cui le Lezione di catechismo e la Sinagoga.
Tornato a Genova nel 1735 esegue il Trattenimento in un giardino di Albaro, ora conservato nella Galleria di Palazzo Bianco.
Considerato uno dei pittori più originali del Settecento italiano, si distinse, nella pittura di genere popolaresco, per la pennellata densa di contrasti luminosi che tendevano a costruire apparati oscuri e figure distorte, anticipando la pittura dei secoli successivi da William Turner agli Impressionisti.

Arcadja LogoServizi
Abbonamento
Pubblicità
Aste Sponsorizzate
Abbonamento

Arcadja
Il prodotto
Follow Arcadja on Facebook
Follow Arcadja on Twitter
Follow Arcadja on Google+
Follow Arcadja on Pinterest
Follow Arcadja on Tumblr