Cookies help Arcadja providing its services: browsing the portal you accept their use.
I cookies aiutano Arcadja a fornire i suoi servizi: navigando nel portale ne accettate l'utilizzo.
Cookies disclosure/Informativa cookies

  • Art Auctions - English Language
  • Aste
  • Servizi
    • Servizi agli utenti
      • Reinvio Password
    • Servizi per case d'asta
  • Cerca
  • LOGIN

Bruno Innocenti

(Firenze 19061986 ) - Opere
INNOCENTI Bruno Ritratto Dello Scrittore Bruno Cicognani

Farsetti /13-apr-2013
6.000,00 - 7.000,00
Non Divulgato

Trova opere d’arte, risultati d’asta e prezzi di vendita dell’artista Bruno Innocenti nelle aste italiane ed internazionali.
Consulta stime ed aggiudicazioni di Bruno Innocenti Segui l'artista con le allerte via mail
Opere in Arcadja
64

Alcune opere di Bruno Innocenti

Estratte tra le 64 opere nel catalogo di Arcadja
Bruno Innocenti - Venerina Verde

Bruno Innocenti - Venerina Verde

Originale 1929
Stima:

Prezzo:

Prezzo Netto
Numero di lotto: 529
Altre OPERE IN ASTA
Descrizione:
#529 Bruno Innocenti Firenze 1906 - 1986 Venerina verde, 1929 Scultura in bronzo, fusione a cera persa, cm. 31 h. Esposizioni Bruno Innocenti scultore, Fondazione Cassa di Risparmio di San Miniato, a cura di Marco Fagioli, Renzo Gamucci, scheda di Sara Meloni, San Miniato, 23 ottobre - 13 novembre 2011, cat. p. 150, n. 43. Si riporta la scheda di Sara Meloni: "Il bronzetto della Venere, che in origine stava posata su una base-calamaio con tre putti di gusto neorinascimentale, risale al 1929, incarna una bellezza femminile formalmente diversa dai coevi ritratti di Margherita e Lilia, mostrandosi stilisticamente affine a un gusto Déco, tipico dell'epoca e riconducibile alle opere del maestro Libero Andreotti. La Venere, da un punto stilistico, è vicina alle tre sirene che compongono la Coppa del Mare realizzata nel 1927. Non è l'unica rappresentazione della divinità che Innocenti esegue in quegli anni com'è documentato dal catalogo pubblicato nel 1930 in occasione della mostra presso la Galleria Pesaro di Milano, presentata da Andreotti, dove Innocenti espone questo calamaio in bronzo dal titolo Nascita di Venere e due Veneri, una in bronzo e l'altra in terracotta (Mostra personale dei pittori Antonio Berti, Romano Romiti e degli scultori Lelio Gelli, Bruno Innocenti, Galleria Pesaro, Milano, 1930). La Venerina è stata poi fusa come bronzetto a sé stante.
Bruno Innocenti - Ballerina Sulle Punte

Bruno Innocenti - Ballerina Sulle Punte

Originale
Stima:

Prezzo:

Prezzo Netto
Numero di lotto: 729
Altre OPERE IN ASTA
Descrizione:
Bruno Innocenti Firenze 1906 - 1986 Ballerina sulle punte Scultura in bronzo, cm. 69 h. Bruno Innocenti, maggiore allievo e assistente di Libero Andreotti, appassionato cultore di musica classica, realizzò durante la sua vita diverse opere ispirate a temi sinfonici come la Danza degli spiriti beati. Nel 1933 realizzò il complesso monumentale di Apollo e le Muse dell'arco scenico del Teatro Comunale di Firenze, che costituisce il complesso scultoreo più grande di Firenze tra le due guerre, e qualche anno dopo l'Allegoria della Danza, per il Teatro dell'Opera di Roma, andata dispersa durante il passaggio del fronte, e Orfeo e Euridice, gruppo bronzeo anche questo trafugato nel dopoguerra e bassorilievi. Questa Ballerina sulle punte si colloca prima del suo soggiorno americano, ed è quindi databile intorno alla fine degli anni Trenta. Bibliografia di riferimento: Marco Fagioli, La Giuditta di Bruno Innocenti, Aion, Firenze, 2005; Bruno Innocenti scultore, a cura di Marco Fagioli e Renzo Gamucci, Pisa, Fondazione Cassa di Risparmio di San Miniato, Palazzo Grifoni, 23 ottobre - 13 novembre 2011.
Bruno Innocenti - Testa Di Giovane Donna.

Bruno Innocenti - Testa Di Giovane Donna.

Originale 1940
Stima:

Prezzo:

Numero di lotto: 442
Altre OPERE IN ASTA
Descrizione:
Lotto n. 442 Bruno Innocenti Firenze 1906 - 1986 Testa di giovane donna. L'Algerina, 1940 Scultura in bronzo, fusione unica, cm. 34 h. Data e firma al retro: 940 Bruno Innocenti. Esposizioni: Bruno Innocenti scultore, a cura di Marco Fagioli e Renzo Gamucci, San Miniato, Palazzo Grifoni, 23 ottobre - 13 novembre 2001, cat. pp. 148-49, n. 42. Esiste dello stesso la terracotta. Il modellato del volto � levigato e i tratti fisiognomici sono ben definiti, diversamente dalla capigliatura che, come spesso accade nelle sue opere, si caratterizza per una maggiore libert� espressiva. � proprio la differenza che si nota nel trattamento della superficie scultorea a mettere in risalto il volto della donna con gli occhi grandi, gli zigomi pronunciati e la bocca semiaperta. Sebbene l'opera mostri gi� un distacco dalla ritrattistica degli anni Trenta, muovendosi verso una maggiore sintesi formale, � ancora riscontrabile una particolare attenzione per la resa dei tratti caratteristici della donna. Anche ne L'Algerina, come nelle altre immagini femminili, lo scultore ha cercato di coglierne l'essenza: Lilia, Giuditta, Salom�, Erinni non sono dunque stereotipi di figure femminili diverse, ma facce molteplici della solita figura, l'Anima appunto, che lo scultore ha incessantemente ricercato in tutta la sua vita. E le figure fisiche reali, le giovani modelle che di volta in volta si sono succedute a posare nello studio, hanno una importanza relativa come persone fisiche, perch� la loro origine deriva invece dall'essenza psicologica che muoveva lo scultore nella sua ricerca.
Bruno Innocenti - Ritratto Dello Scrittore Bruno Cicognani

Bruno Innocenti - Ritratto Dello Scrittore Bruno Cicognani

Originale 1952
Stima:

Prezzo: Non Divulgato
Numero di lotto: 553
Altre OPERE IN ASTA
Descrizione:
Lotto n. 553 Bruno Innocenti Firenze 1906 - 1986 Ritratto dello scrittore Bruno Cicognani, 1952 Scultura in terracotta su base in legno, es. unico, cm. 35 h. (con base) Firma e data sul lato destro: BINN 52. Questo ritratto dello scrittore fiorentino Bruno Cicognani si differenzia della maggioranza dei ritratti di Bruno Inno- centi, caratterizzati generalmente da una attenta leviga- tezza della superficie plastica e da una calibratissima mo- dulazione dei piani e degli effetti luministici. Il modellato appare in questo caso pi� mosso e vivo, potremmo dire quasi pittorico, dove rimane evidente l'elemento gestuale della modellazione della creta, specialmente nella tratta- zione della barba e dei capelli, che contribuisce a conferire forza e vitalit� al soggetto rappresentato. Bibliografia: Marco Fagioli, L'Erinni di Bruno Innocenti. L'a- nima e la forma, Ai�n, Firenze, 2006, p. 52, tav. 21, scheda n. 21, a cura di Chiara Stefani.
Bruno Innocenti - Testa Di Giovane

Bruno Innocenti - Testa Di Giovane

Originale 1966
Stima:

Prezzo:

Numero di lotto: 540
Altre OPERE IN ASTA
Descrizione:
Lotto n. 540 Bruno Innocenti Firenze 1906 - 1986 Testa di giovane, 1966 Scultura in legno, cm. 64 h. (con base) Firma e data sul retro: BINN / 66. Sulla base: etichetta dell'Archivio Bruno Innocenti con n. T. 68. Bruno Innocenti realizz� un numero cospicuo di ritratti e figure lignee negli ultimi tre decenni della sua vita, dal 1950 al 1980. Rispetto al periodo anteguerra, lo scultore aggiorn� il suo stile secondo i modi di un primitivismo li- rico, attento ai grandi esempi della scultura lignea gotica. Bibliografia di riferimento: Marco Fagioli, L'Erinni di Bruno Innocenti. L'anima e la forma, Ai�n, Firenze, 2006.
Arcadja LogoServizi
Abbonamento
Pubblicità
Aste Sponsorizzate
Abbonamento

Chi siamo
Il Prodotto
Follow Arcadja on Facebook
Follow Arcadja on Twitter
Follow Arcadja on Google+
Follow Arcadja on Pinterest
Follow Arcadja on Tumblr