Cookies help Arcadja providing its services: browsing the portal you accept their use.
I cookies aiutano Arcadja a fornire i suoi servizi: navigando nel portale ne accettate l'utilizzo.
Cookies disclosure/Informativa cookies

  • Art Auctions, Ventes aux Encheres Art, Kunstauctionen, Subastas Arte, Leilões de Arte, Аукционы искусства, Aste
  • Ricerche
  • Servizi
  • Iscrizione
    • Iscrizione
  • Arcadja
  • Cerca autore
  • Login

Daniel De Vos

(1568 -  1605 )
VOS de Daniel Saint Eustace

Sotheby's /20-apr-2004
15.054,57 - 22.581,85
21.610,27

Trova opere d’arte, risultati d’asta e prezzi di vendita dell’artista Daniel De Vos nelle aste italiane ed internazionali.
Consulta stime ed aggiudicazioni di Daniel De Vos Segui l'artista con le allerte via mail
Opere in Arcadja
12

Alcune opere di Daniel De Vos

Estratte tra le 12 opere nel catalogo di Arcadja
Daniel De Vos - Giacomo Eremita

Daniel De Vos - Giacomo Eremita

Originale
Stima:

Prezzo: Non Divulgato
Numero di lotto: 109
Altre OPERE IN ASTA
Descrizione:
109 DANIEL DE VOS Anversa 1568 – 1605 Giacomo eremita Olio su tela, cm 146x90 Firmato sul sepolcro: \\“DANIEL. DE VOS. F.\\” Iscrizione: in basso \\“ DEXTERA NE FLAMMĀ RAPIAT CREMAT IGNE SINISTRĀ: / SIC IACOBE MANV TACTA PUELLA CALET // VICISTI IVVENIS. CANVM QVI FEMINA VICIT: / IN THALAMO PECCAS: CORRIGIS IN TVMVLO\\” Appartenente ad una famiglia di artisti attiva ad Anversa nel XVI e XVII secolo, era figlio del celebre Maarten de Vos, il quale fu anche attivo nella bottega del Tintoretto nella prima metà degli anni Cinquanta del Cinquecento. Dipinse soggetti religiosi e ritratti. La lunga iscrizione apposta nella parte inferiore di questo grande dipinto firmato consente di identificarne il soggetto. Il personaggio inginocchiato davanti al sepolcro aperto, dal quale spuntano delle ossa umane, é infatti Giacomo, eremita di Palestina, vissuto nel VI secolo d. C.. La Vita di Giacomo narra che all\\’\\’inizio egli visse da eremita, nei pressi della città di Porphyreon (con ogni probabilità Hefa, l\\’\\’attuale Haifa) alle pendici del monte Carmelo, dedicandosi alle pratiche ascetiche e ad una continua lotta contro il demonio, che lo tentava, servendosi soprattutto dei Samaritani. Un giorno costoro inviarono presso di lui una prostituta, con l\\’\\’intento di indurlo a peccare. All\\’\\’inizio la donna domandò di essere da lui accolta solo in nome dell\\’\\’ospitalità, poi, fingendosi malata, gli chiese di applicarle dell\\’\\’olio sul petto. Credeva di essere riuscita nella sua opera di seduzione, quando si accorse che Giacomo, mentre le ungeva il petto con la mano destra, aveva messo la sinistra su una lampada, per sfuggire alla tentazione. Alla vista della mano bruciata, la prostituta scoppiò in lacrime, pentendosi e convertendosi. Giacomo la battezzò e la fece entrare in un monastero, mentre il vescovo Alessandro, appreso l\\’\\’accaduto, fece cacciare i Samaritani dalla regione. In seguito, però, l\\’\\’eremita per evitare il gran numero di visitatori che si rivolgeva a lui per via dei suoi poteri miracolosi, si ritirò in una grotta più lontana dalla città, mentre il demonio continuava le sue macchinazioni. Accadde così che i ricchi genitori di una fanciulla posseduta dal demonio la portassero a Giacomo perché la liberasse, ma, non contenti di vederla salva, decidessero di lasciarla qualche giorno presso di lui. Rimasto solo con la fanciulla, Giacomo, però, dopo averla violentata, la uccise e ne gettò il cadavere nel fiume, deciso peraltro a far ritorno nel mondo. Quando sembrava dunque che ormai il demonio avesse avuto la meglio, Giacomo incontrò un anacoreta, che riaccese in lui la speranza. Pur non rinunciando a ritornare nel mondo, avendo trovato un antico sepolcro, egli iniziò a raccogliere le ossa dei defunti e trascorse il resto della sua vita nel rimorso e nella penitenza. Perdonato da Dio, riacquistò il potere di compiere miracoli, morendo poi in stato di santità. Dal punto di vista compositivo, la grande tela, che illustra appunto l\\’\\’ultima fase della vita terrena di Giacomo, inginocchiato dinanzi al sepolcro nel fitto di una boscaglia, ben si ricollega ad alcune serie di incisioni, raffiguranti eremiti e anacoreti, tratte da Johannes I e Raphael I Sadeler da invenzioni di Maarten de Vos, padre di Daniel (v. Hollstein\\’\\’s Dutch and Flemish Etchings, Engravings and Woodcuts, XLIV, a c. di C. Schuckman, Amsterdam 1996, pp. 203-214 e XLVI, tavv. 964-1049) e pubblicate in date comprese tra il 1585 e il 1600, ciò che offre un credibile riferimento cronologico anche per questo dipinto. Opera in temporanea importazione
Daniel De Vos - Piamon

Daniel De Vos - Piamon

Originale
Stima:
Base d'asta:

Prezzo:

Numero di lotto: 797
Altre OPERE IN ASTA
Daniel De Vos - Saint Eustace

Daniel De Vos - Saint Eustace

Originale
Stima:

Prezzo:

Prezzo Lordo
Numero di lotto: 248
Altre OPERE IN ASTA
Daniel De Vos - St Eustace

Daniel De Vos - St Eustace

Originale
Stima:

Prezzo:

Numero di lotto: 115
Altre OPERE IN ASTA
Arcadja LogoServizi
Abbonamento
Pubblicità
Aste Sponsorizzate
Abbonamento

Arcadja
Il prodotto
Follow Arcadja on Facebook
Follow Arcadja on Twitter
Follow Arcadja on Google+
Follow Arcadja on Pinterest
Follow Arcadja on Tumblr