Cookies help Arcadja providing its services: browsing the portal you accept their use.
I cookies aiutano Arcadja a fornire i suoi servizi: navigando nel portale ne accettate l'utilizzo.
Cookies disclosure/Informativa cookies

  • Art Auctions, Ventes aux Encheres Art, Kunstauctionen, Subastas Arte, Leilões de Arte, Аукционы искусства, Aste
  • Ricerche
  • Servizi
  • Iscrizione
    • Iscrizione
  • Arcadja
  • Cerca autore
  • Login

Filippo De Pisis

Italy (Ferrara 1896 -  Milano 1956 ) Wikipedia® : Filippo De Pisis
PISIS de Filippo Vaso Di Fiori

Meeting Art /24-gen-2016
36.000,00 - 40.000,00
20.000,00

Trova opere d’arte, risultati d’asta e prezzi di vendita dell’artista Filippo De Pisis nelle aste italiane ed internazionali.
Consulta stime ed aggiudicazioni di Filippo De Pisis Segui l'artista con le allerte via mail

 

Detto anche :

De Pisis Tibertelli Filippo

 

Opere in Arcadja
1172

Alcune opere di Filippo De Pisis

Estratte tra le 1,172 opere nel catalogo di Arcadja
Filippo De Pisis - Ragazzo Seduto In Un Interno

Filippo De Pisis - Ragazzo Seduto In Un Interno

Originale 1937
Stima:
Base d'asta:

Prezzo:

Prezzo Netto
Numero di lotto: 349
Altre OPERE IN ASTA
Descrizione:
FILIPPO DE PISIS Ferrara 11/05/1896 - Milano 02/04/1956 Ragazzo seduto in un interno, 1937 tecnica mista su carta da pacco applicata su cartone cm. 77,7x63,3; firma e anno in basso a destra, opera registrata presso l'Associazione per il Patrocinio dell'opera di Filippo De Pisis (MI) come da certificato allegato.
Filippo De Pisis - Canale Di Venezia

Filippo De Pisis - Canale Di Venezia

Originale
Stima:

Prezzo: Non Divulgato
Numero di lotto: 298
Altre OPERE IN ASTA
Descrizione:
DE PISIS FILIPPO - Nato a Ferrara nel 1896. Morto a Milano nel 1956. Dipinto olio su cartone raff. ''CANALE DI VENEZIA''. Firmato e datato '45 in basso a destra. Con cartigli della Galleria del Cavallino di Venezia e della Galleria Gian Ferrari di Milano sul retro. Con certificato di autenticità su fotografia di Ettore Gian Ferrari, mercante d'arte moderna ed esperto presso la Camera di Commercio di Milano, datata 22 maggio 1973. In cornice. Come i suoi fratelli, il Tiburtelli, in arte De Pisis, non frequenta la scuola pubblica, ma studia a casa con un precettore e un maestro di disegno. Durante il soggiorno a Venezia per la visita militare, studia Tiziano, Tintoretto e Tiepolo, e copia nei musei e in raccolte private i quadri antichi. Dopo essere stato riformato, si iscrive all'università e frequenta l'ambiente culturale di Bologna, tenendo anche rapporti epistolari con Giorgio De Chirico, il fratello Alberto Savinio, Tristan Tzara e Ardengo Soffici. Laureatosi in lettere, insegna per qualche tempo, poi, nel 1920, si trasferisce a Roma, dove si dedica alla pittura, frequenta l'ambiente di Valori Plastici e stringe rapporti di amicizia con il pittore Armando Spadini. In questo periodo lavora alla definizione di un proprio linguaggio figurativo ed inizia ad elaborare le sue caratteristiche nature morte. Nel 1925 si trasferisce a Parigi, dove raggiunge la piena padronanza dei suoi mezzi, acquistando anche una solida fama come poeta. Le sue opere raggiunsero il massimo successo alla Biennale di Venezia del 1948 e a quella del 1954. Mis. Lung. cm. 24.5 Alt. cm. 35 ca.
Filippo De Pisis - Volto Di Giovane

Filippo De Pisis - Volto Di Giovane

Originale 1941
Stima:

Prezzo:

Numero di lotto: 410
Altre OPERE IN ASTA
Descrizione:
Filippo De Pisis Volto di giovane 1941 Tecnica mista su carta, cm. 20,5x15 Firma e data in basso a destra, timbro a secco "Galleria del Cavallino", Venezia, in alto a destra; Sul verso: "Timbro Galleria Ghelfi", Montecatini - Verona; Etichetta di Provenienza. Autentica della Galleria Del Naviglio, Milano, con timbro e dichiarazione di Autenticità Renato Cardazzo, su foto.
Filippo De Pisis - Vaso Di Fiori

Filippo De Pisis - Vaso Di Fiori

Originale 1950
Stima:
Base d'asta:

Prezzo:

Prezzo Netto
Numero di lotto: 449
Altre OPERE IN ASTA
Descrizione:
FILIPPO DE PISIS Ferrara 11/05/1896 - Milano 02/04/1956 Vaso di fiori, 1950 olio su cartone telato cm. 60x44,7; firma e anno in basso a destra, siglato "B" in basso a sinistra, timbri ed etichetta della Galleria d'Arte R. Rotta (GE) al retro, opera registrata presso l'Archivio per il Catalogo dell'Opera di Filippo De Pisis come da dichiarazione del Comitato di Curatela dell'Associazione per il Patrocinio dell'Opera di Filippo De Pisis (MI) su foto.
Filippo De Pisis - Natura Morta

Filippo De Pisis - Natura Morta

Originale 1939
Stima:
Base d'asta:

Prezzo:

Numero di lotto: 189
Altre OPERE IN ASTA
Descrizione:
FILIPPO DE PISIS Ferrara 11/05/1896 - Milano 02/04/1956 Natura morta, 1939 olio su cartone cm. 50x60, firma e anno in basso a destra, dichiarazione di provenienza, etichetta e timbro della Galleria Al Sole (Feltre), etichetta e timbro della Collezione Rimoldi (Cortina d'Ampezzo) al retro, dichiarazione di provenienza di Gino Possiedi (Feltre) con conferma del Notaio Francesco Vaccari (Feltre), dichiarazione d'autenticità, etichetta e timbro della Galleria Al Sole (Feltre) su foto, opera registrata presso l'Archivio dell'Associazione Nazionale Gallerie d'Arte Moderna (MI) al n° 1600/89/M come da dichiarazione del Presidente Rinaldo Rotta su foto.

LA BIOGRAFIA DI Filippo De Pisis

DE PISIS Filippo , nato a Ferrara nel 1896, deceduto a Milano nel 1956.Artista italiano.
De Pisis a Ferrara conosce De Chirico e Savinio e vive la matafisica in chiave più letteraria che pittorica; si dedica alla pittura a partire dal 1919, quando è a Roma dove frequenta l'ambiente di Valori Plastici: inizia ad elaborare le sue caratteristiche e a dipingere evocative nature morte. Nel 1925 si trasferisce a Parigi dove vive fino al 1939: l'ammirazione per Delacroix e Manet si riflettono nella sua opera in un uso gestuale ed immediato del colore e in brillanti accenti tonali. De Pisis è attratto dalla capacità di fissare fuggevoli stati d'animo o d'inquietudine, aggiungendo nei suoi lavori una personale situazione psicologica in cui si coglie un senso di disgregazione e di disfacimento, Tornato in Italia, nel 1944 si stabilisce a Venezia dove resterà fino al 1950, dipingendo vedute ed interni. Nel 1951 viene ricoverato a Brugherio ed inizierà a lavorare sempre meno. Dal 1953 non dipinge più. Morirà nel 1956.

Arcadja LogoServizi
Abbonamento
Pubblicità
Aste Sponsorizzate
Abbonamento

Arcadja
Il prodotto
Follow Arcadja on Facebook
Follow Arcadja on Twitter
Follow Arcadja on Google+
Follow Arcadja on Pinterest
Follow Arcadja on Tumblr