Filippo De Pisis

Italy (Ferrara 1896Milano 1956 ) - Opere Wikipedia® - Filippo De Pisis
PISIS de Filippo Ranocchi

Farsetti /29-nov-2014
5.000,00 - 9.000,00
5.400,00

Trova opere d’arte, risultati d’asta e prezzi di vendita dell’artista Filippo De Pisis nelle aste italiane ed internazionali.
Consulta stime ed aggiudicazioni di Filippo De Pisis Segui l'artista con le allerte via mail

 

Detto anche :

De Pisis Filipo Tibertelli

 

Opere in Arcadja
1067

Alcune opere di Filippo De Pisis

Estratte tra le 1,067 opere nel catalogo di Arcadja
Filippo De Pisis - Nudo In Piedi

Filippo De Pisis - Nudo In Piedi

Originale 1932
Stima:

Prezzo:

Numero di lotto: 112
Altre OPERE IN ASTA
Descrizione:
FILIPPO DE PISIS (Ferrara 1896 - Milano 1956) Nudo in piedi, 1932 Tecnica mista su carta intelata, cm. 42 x 25,5 Firma e dedica ad personam in basso a destra PROVENIENZA Collezione Leone Massimo, Roma Collezione privata, Roma PUBBLICAZIONI Catalogo mostra Opera pittorica e grafica di Filippo De Pisis, Verona 1969, pag. 167 ESPOSIZIONI Mostra dell'Opera pittorica e grafica di Filippo De Pisis, Verona 1969
Filippo De Pisis - Nudi

Filippo De Pisis - Nudi

Originale 1944
Stima:

Prezzo:

Numero di lotto: 5
Altre OPERE IN ASTA
Descrizione:
Filippo De Pisis Nudi acquarello su carta 12 9 1944 De Pisis Filippo Nudi, 1944 acquarello su carta, cm. 12x9 circa cadauno l'opera consiste in 3 studi su carta firmati e datati in basso a destra, etichetta Quadrum Arte Moderna e Contemporanea di Imola al retro, certificato di autenticità su fotografia della Galleria del Naviglio di Milano a firma di Renato Cardazzo datato 1989
Filippo De Pisis - Pollo Appeso

Filippo De Pisis - Pollo Appeso

Originale 1938
Stima:

Prezzo:

Numero di lotto: 223
Altre OPERE IN ASTA
Descrizione:
Filippo de Pisis Ferrara 1896-Milano 1956 "Pollo appeso" (1938) cm. 110x42 - olio su tela foderata Firmato b. a d. e datato ’’38. Al retro etichetta dell’’Artista; etichetta XX Biennale Premio del Fiorino Firenze 1971; timbro Galleria Michelucci Firenze;timbro Galleria Falsetti Prato; timbro illeggibile.
Filippo De Pisis - Ranocchi

Filippo De Pisis - Ranocchi

Originale 1938
Stima:

Prezzo:

Prezzo Netto
Numero di lotto: 552
Altre OPERE IN ASTA
Descrizione:
Filippo de Pisis Ferrara 1896 - Milano 1956 Ranocchi, 1938 Acquerello e pastello su carta applicata su cartone, cm. 57,3x45,3 Firma, luogo e data in basso a destra: de Pisis / Gers / 38. Storia: Collezione Rimoldi, Cortina d'Ampezzo; Collezione privata Opera archiviata dall'Associazione per Filippo de Pisis, Milano,14 ottobre 2014, con il numero 04446. Esposizioni: Le Joli secret di de Pisis, venti opere, Milano, Galleria Farsetti, 11 giugno - 4 luglio 1991.
Filippo De Pisis - Paesaggio A Brugherio

Filippo De Pisis - Paesaggio A Brugherio

Originale
Stima:

Prezzo:

Numero di lotto: 68
Altre OPERE IN ASTA
Descrizione:
DE PISIS Filippo Ferrara 1896 Milano 1956 Paesaggio a Brugherio 1952 olio su tela applicata su cartone cm. 50 x 40 Autentica dell'Associazione Nazionale Gallerie d'Arte Moderna, con n° 2874/95/M, a cura di Enzo Cannaviello Firma 'De Pisis' (in basso a destra) Firma, titolo, data 'F. De Pisis, Paesaggio, 1952'; etichetta della Raccolta Lizzola, Milano; etichetta e timbro della Galleria del Naviglio, Milano; etichetta della galleria La Bussola, Torino (al retro)

LA BIOGRAFIA DI Filippo De Pisis

DE PISIS Filippo , nato a Ferrara nel 1896, deceduto a Milano nel 1956.Artista italiano.
De Pisis a Ferrara conosce De Chirico e Savinio e vive la matafisica in chiave più letteraria che pittorica; si dedica alla pittura a partire dal 1919, quando è a Roma dove frequenta l'ambiente di Valori Plastici: inizia ad elaborare le sue caratteristiche e a dipingere evocative nature morte. Nel 1925 si trasferisce a Parigi dove vive fino al 1939: l'ammirazione per Delacroix e Manet si riflettono nella sua opera in un uso gestuale ed immediato del colore e in brillanti accenti tonali. De Pisis è attratto dalla capacità di fissare fuggevoli stati d'animo o d'inquietudine, aggiungendo nei suoi lavori una personale situazione psicologica in cui si coglie un senso di disgregazione e di disfacimento, Tornato in Italia, nel 1944 si stabilisce a Venezia dove resterà fino al 1950, dipingendo vedute ed interni. Nel 1951 viene ricoverato a Brugherio ed inizierà a lavorare sempre meno. Dal 1953 non dipinge più. Morirà nel 1956.

Arcadja LogoProdotti
Abbonamenti
Pubblicità
Aste Sponsorizzate
Abbonamenti

Chi siamo
Il Prodotto
Follow Arcadja on Facebook
Follow Arcadja on Twitter
Follow Arcadja on Google+
Follow Arcadja on Pinterest
Follow Arcadja on Tumblr