Daniele Crespi

Italy (Busto Arsizio 1598Milan 1630 ) - Opere Wikipedia® - Daniele Crespi
CRESPI Daniele Crocefissione

Porro & C. /25-nov-2009
30.000,00 - 40.000,00
Non aggiudicato

Trova opere d’arte, risultati d’asta e prezzi di vendita dell’artista Daniele Crespi nelle aste italiane ed internazionali.
Consulta stime ed aggiudicazioni di Daniele Crespi Segui l'artista con le allerte via mail
Opere in Arcadja
60

Alcune opere di Daniele Crespi

Estratte tra le 60 opere nel catalogo di Arcadja
Daniele Crespi - Ritratto Di Gentiluomo In Nero Con Cappello E Barba

Daniele Crespi - Ritratto Di Gentiluomo In Nero Con Cappello E Barba

Originale
Stima:

Prezzo:

Prezzo Lordo
Numero di lotto: 54
Altre OPERE IN ASTA
Descrizione:
Daniele Crespi , Busto Arsizio 1597 , Milano 1630 "Ritratto di gentiluomo in nero con cappello e barba" olio su tavola (cm 62,5x35). In cornice antica decorata a ebanizzature e dorature. Comunicazione scritta del 20/12/2005 di Nancy Ward Neilson che conferma l'attribuzione del dipinto a Daniele Crespi. L'opera � stata esposta alla mostra Daniele Crespi: un grande pittore del seicento lombardo Busto Arsizio, 2006. Riprodotta alle pp. 264-265, con misure errate. Valutazione: € 12.000,00 / € 14.000,00 Asta: 22/10/2013 ore 15.30
Daniele Crespi - Ritratto Di Gentiluomo In Nero Con Cappello E Barba

Daniele Crespi - Ritratto Di Gentiluomo In Nero Con Cappello E Barba

Originale
Stima:

Prezzo:

Numero di lotto: 428
Altre OPERE IN ASTA
Descrizione:
Daniele Crespi , Busto Arsizio 1597 , Milano 1630 "Ritratto di gentiluomo in nero con cappello e barba" olio su tavola (cm.62,5x35). In cornice antica decorata a ebanizzature e dorature. Comunicazione scritta del 20/12/2005 di Nancy Ward Neilson che conferma l'attribuzione del dipinto a Daniele Crespi. L'opera � stata esposta alla mostra "Daniele Crespi: un grande pittore del seicento lombardo" Busto Arsizio, 2006. Riprodotta alle pp. 264-265 del catalogo delle mostra, con misure errate.
Daniele Crespi - Ecce Homo

Daniele Crespi - Ecce Homo

Originale
Stima:

Prezzo:

Prezzo Netto
Numero di lotto: 471
Altre OPERE IN ASTA
Descrizione:
Daniele Crespi e aiuti Ecce Homo Olio su tela cm 93x76 La pregevole tela presenta confronti precisi e convincenti conopere di eguale soggetto di Daniele Crespi (1598-1630); inparticolare con una serie di “Cristo derisi” pubblicati sia nellamonografia del pittore di Nancy Ward Neilson del 1996, sia inrecenti studi. E’’ auspicabile che la tela possa essere oggetto diulteriori indagini.
Daniele Crespi - Crocefissione

Daniele Crespi - Crocefissione

Originale
Stima:

Prezzo:

Numero di lotto: 67
Altre OPERE IN ASTA
Descrizione:
67 Daniele Crespi Milano 1597/'98 - 1630 Crocefissione olio su tavola, cm. 47x31,5 Il dipinto, che reca al retro due vecchie iscrizioni che testimoniano un antico rifermento alla mano di Federico Barocci, è stato attribuito a Daniele Crespi da Andrea G. De Marchi (comunicazione orale al proprietario). L'attribuzione avanzata dallo studioso è stata confermata da Francesco Frangi che qui ringraziamo per l'assistenza nella stesura della scheda. L'opera si colloca nella piena maturità dell'artista a una data prossima al 1625: i confronti più stringenti vanno cercati con opere come la Pietà del Prado o il Cristo morto sorretto da un angelo di Santa Maria della Passione, tutte opere dalla concezione drammatica con le figure che si stagliano, elegantissime, in uno spazio serrato contro un fondo tenebroso da cui emergono bagliori di paesaggio. Sono anche opere caratterizzate dalla ricerca di una grande eleganza formale: si pensi nelle due pale sopra ricordate al gioco dei bianchi battuti dalla luce sul corpo del Cristo morto o nella tavola qui presentata a particolari come il perizoma che svolazza tra l'ombra e la luce o al velo della Madonna. Stima: € 30.000/40.000
Daniele Crespi - Il Battesimo Di Cristo

Daniele Crespi - Il Battesimo Di Cristo

Originale
Stima:

Prezzo:

Numero di lotto: 42
Altre OPERE IN ASTA
Descrizione:
Nel catalogo pittorico di Daniele Crespi sono note due altre redazioni sul tema del battesimo di Cristo: la grande pala proveniente dalla chiesa francescana di Santa Maria delle Grazie di Monza e ora conservata a Brera e l’’affresco della Certosa di Pavia, opere queste risalenti alla fase finale della brevissima vita del pittore lombardo, che si spense poco più che trentenne, vittima della terribile pestilenza che infierì su Milano e sull’’Italia settentrionale nel 1630. In entrambe queste opere, Daniele utilizza uno schema compositivo del tutto simile a quello presente nella tela in questione, apportando però significative modifiche nelle pose dei personaggi presenti, sia in quelle del Cristo e del Battista, che costituiscono il gruppo centrale, che in quelle dei due angeli che appaiono a sinistra e, ancor di più, nello “spirito” della figurazione, che nelle altre due versioni appare indubbiamente più pacato, anche per l’’uso da parte del pittore di un viraggio chiaroscurale decisamente meno violento. L’’ipotesi più credibile è che la tela che qui si presenta sia una prima versione sul tema, poi parzialmente modificata sulla base anche delle esigenze dei committenti e della collocazione dei dipinti all’’interno di edifici chiesastici. Ma, al di là delle ipotesi di natura cronologica, resta la notevolissima qualità di questo dipinto, la cui certa autografia è confermata dal confronto con altre opere unanimemente ammesse al catalogo di questo interessantissimo e sfortunato pittore, quali ad esempio la Flagellazione di Cristo di collezione privata, recentemente reso noto dalla Neilson (N. W. Neilson, Daniele Crespi, Soncino 1996, tav. XIV a), con una datazione al 1623–25 che può essere assunta anche per l’’opera in esame.
Arcadja LogoProdotti
Abbonamenti
Pubblicità
Aste Sponsorizzate
Abbonamenti

Chi siamo
Il Prodotto
Follow Arcadja on Facebook
Follow Arcadja on Twitter
Follow Arcadja on Google+
Follow Arcadja on Pinterest
Follow Arcadja on Tumblr