Cookies help Arcadja providing its services: browsing the portal you accept their use.
I cookies aiutano Arcadja a fornire i suoi servizi: navigando nel portale ne accettate l'utilizzo.
Cookies disclosure/Informativa cookies

  • Art Auctions, Ventes aux Encheres Art, Kunstauctionen, Subastas Arte, Leilões de Arte, Аукционы искусства, Aste
  • Ricerche
  • Servizi
  • Iscrizione
    • Iscrizione
  • Arcadja
  • Cerca autore
  • Login

Francesco Botticini

Italy (1446 -  1497 ) Wikipedia® : Francesco Botticini
BOTTICINI Francesco Madonna Col Bambino

Finarte
18-dic-2010
Trova opere d’arte, risultati d’asta e prezzi di vendita dell’artista Francesco Botticini nelle aste italiane ed internazionali.
Consulta stime ed aggiudicazioni di Francesco Botticini Segui l'artista con le allerte via mail
Opere in Arcadja
23

Alcune opere di Francesco Botticini

Estratte tra le 23 opere nel catalogo di Arcadja
Francesco Botticini - Madonna Col Bambino

Francesco Botticini - Madonna Col Bambino

Originale
Stima:

Prezzo: Non Divulgato
Numero di lotto: 576
Altre OPERE IN ASTA
Descrizione:
LOTTO N. 576
FRANCESCO BOTTICINI
Firenze 1446 - 1497

Madonna col Bambino
tempera su tavola centinata, cm.73x44.
Il dipinto venne attribuito al pittoredallo storico dell'arte e collezionista F. Mason Perkins, chestudiò la tavola ad Assisi nel 1928, come da perizia (sene conserva la copia). Provenienza Galleria GeriAntichità, Milano Collezione privata, Milano. Il fiorentinoFrancesco Botticini apprese i primi rudimenti dell\\’\\’\\’\\’arte pittoricaforse già nella bottega del padre Giovanni di Domenico, pittore di \\“naibi\\”, ossia di carte da gioco. Divenne poi allievo di Neridi Bicci, il cui stile influenzò il resto della sua carriera. Apartire dagli anni \\’\\’\\’\\’70 e \\’\\’\\’\\’80 tuttavia, furono gli esempi diAlesso Baldovinetti e di Andrea del Verrocchio ad interessarlomaggiormente. La critica data a questi anni della maturità diBotticini molti dei dipinti sacri eseguiti per ladevozione domestica basati sullo stesso modello della nostraMadonna col Bambino. Di solito di medio formato, destinateall'arredo delle camere private, e di simile soggetto, questetavole ottennero notevole successo. Il gruppo centrale é semprecostituito dalla Madonna che, in ginocchio, unisce le mani inpreghiera al di sopra di Gesù bambino, disteso invece a terra su unlembo del mantello della madre oppure, come in questo caso,appoggiato a fasci di fieno. Nelle differenti varianti delmodello, al gruppo centrale il pittore aggiunse via, via personaggisecondari, scene di fondo o elementi di contorno sempre diversi,evidentemente a seconda delle richieste dei committenti. Lanostra tavola mostra caratteristiche chiaramente riconducibili aquesto repertorio. Simile al dipinto che raffigura la Madonna cheadora il Bambino di Birmingham è la presenza del muro in rovinadietro alla Vergine; il luminoso paesaggio a volo d\\’\\’\\’\\’uccello che siapre sulla sinistra del dipinto ricorda invece le vedute di fondodella Madonna col Bambino di Cleveland e della Madonna che adora ilBambino con San Giovannino già in Ashburnam Palace (Sussex), ove siritrova la medesima soluzione del tronco d\\’\\’\\’\\’albero (nel nostrodipinto ormai secco, a reggere il tetto della capanna) cheinterrompe la fuga sinuosa del fiume che si perde in lontananza.Così come nel quadro di collezione privata milanese, anche inognuna delle tavole citate il Bambin Gesù tende le braccia allaMadonna, quasi a tradurre fisicamente il dialogo di affetti che sisvolge tra i loro sguardi. Caso raro, nella produzione conosciutadi Botticini, è invece quello del Bambino raffigurato nel nostrodipinto: qui infatti egli regge un frutto, probabilmente una mela,simbolo della vittoria che con la sua Passione si avrà sul peccatooriginale. Bibliografia di riferimento L. Venturini, FrancescoBotticini , Firenze, 1994

Francesco Botticini - Madonna Col Bambino E San Giovannino

Francesco Botticini - Madonna Col Bambino E San Giovannino

Originale
Stima:

Prezzo:

Prezzo Netto
Numero di lotto: 442
Altre OPERE IN ASTA
Descrizione:
Lotto n.
442

Francesco Botticini

Firenze 1446-1498
Madonna col Bambino e San Giovannino
Tempera su tavola, cm. 77x55
Storia: già Collezione Ricasoli, Castello di Brolio; Colle-
zione privata
La tavola è inseribile nalla vasta produzione di quadri
da stanza che Francesco Botticini dipinse negli anni set-
tanta-ottanta del Quattrocento. Allievo di Neri di Bicci,
il Botticini si avvicinò nella sua giovinezza alla pittura
del Pollaiolo e del Verrocchio, per poi subire l'influenza
determinante del Botticelli. La Vergine di questa tavo-
la, bionda e delicatissima, che racchiude in sè eleganza
(nella acconciatura elaborata col velo finissimo) e so-
brietà (nella semplice veste dal mantello bordato d'oro)
attesta l'avvenuta assimilazione dello stile botticelliano
e induce conseguentemente a postulare una datazione
dell'opera nella seconda metà dell'ottavo decennio. Tra
i dipinti riconosciuti alla fase matura del Botticini alcuni
sono strettamente connessi con questo esemplare, come,
ad esempio, L'adorazione del Bambino della Cassa di Ri-
sparmio di Firenze, in cui il volto del piccolo Gesù pre-
suppone un unico modello. Estremamente piacevole e
attraente, questa Madonna col Bambino e San Giovanni-
no testimonia l'alta qualità e la buona tenuta stilistica del
prolifico pittore, attivo per la ricca borghesia fiorentina
e di provincia.
Francesco Botticini - The Madonna And Child In A Landscape, With The Infant Saint John The Baptist

Francesco Botticini - The Madonna And Child In A Landscape, With The Infant Saint John The Baptist

Originale
Stima:

Prezzo:

Prezzo Lordo
Numero di lotto: 23
Altre OPERE IN ASTA
Francesco Botticini - The Madonna And Child With The Infant Saint John The Baptist

Francesco Botticini - The Madonna And Child With The Infant Saint John The Baptist

Originale
Stima:

Prezzo:

Prezzo Lordo
Numero di lotto: 19
Altre OPERE IN ASTA

LA BIOGRAFIA DI Francesco Botticini

BOTTICINI Francesco Pittore italiano (Firenze 1446 - 1498).
Allievo per breve tempo di Neri di Bicc, frequentò col Botticelli la bottega del Verrocchio, realizzando numerose opere influenzate dallo stile di questi due artisti e da Piero del Pollaiolo.
Sebbene sia difficile stabilire una cronologia, si tendono a collocare nel periodo verrocchiesco la tavola con la Madonna in trono fra Santi (Parigi, Jacquemart-Andrè) del 1471, la Santa Monica con Sante agostiniane di Santo Spirito e la Madonna adorante della pinacoteca di Modena.
Dovrebbero seguire i Tre arcangeli (Uffizi), su modello del Pollaiolo, la Madonna in gloria (Parigi, museo del Louvre), il Tobiolo e l'angelo (Bergamo, accademia Carrara) e l'Incoronazione della Vergine (Londra, National Gallery), caratterizzate da un'attenzione alla resa del paesaggio di marca fiamminga e dall'utilizzo di spunti provenienti da diversi artisti.
Fu pittore anche il figlio Raffaello (1477 - 1520 ca.), autore tra l'altro dei Santi Sebastiano e Girolamo del museo di Empoli.

Arcadja LogoServizi
Abbonamento
Pubblicità
Aste Sponsorizzate
Abbonamento

Arcadja
Il prodotto
Follow Arcadja on Facebook
Follow Arcadja on Twitter
Follow Arcadja on Google+
Follow Arcadja on Pinterest
Follow Arcadja on Tumblr