Cookies help Arcadja providing its services: browsing the portal you accept their use.
I cookies aiutano Arcadja a fornire i suoi servizi: navigando nel portale ne accettate l'utilizzo.
Cookies disclosure/Informativa cookies

  • Art Auctions, Ventes aux Encheres Art, Kunstauctionen, Subastas Arte, Leilões de Arte, Аукционы искусства, Aste
  • Ricerche
  • Servizi
  • Iscrizione
    • Iscrizione
  • Arcadja
  • Cerca autore
  • Login

Canonico Biagio Bellotti

Italy (Busto Arsizio 1714 -  1789 )
BELLOTTI CANONICO BIAGIO Rebecca Al Pozzo
Trova opere d’arte, risultati d’asta e prezzi di vendita dell’artista Canonico Biagio Bellotti nelle aste italiane ed internazionali.
Consulta stime ed aggiudicazioni di Canonico Biagio Bellotti Segui l'artista con le allerte via mail
Opere in Arcadja
1

Alcune opere di Canonico Biagio Bellotti

Estratte tra le 1 opere nel catalogo di Arcadja
Canonico Biagio Bellotti - Rebecca Al Pozzo

Canonico Biagio Bellotti - Rebecca Al Pozzo

Originale
Stima:

Prezzo: Non Divulgato
Numero di lotto: 159
Altre OPERE IN ASTA
Descrizione:
159.

CANONICO BIAGIO BELLOTTI

(Busto Arsizio, ca. 1714 - 1789)

Rebecca al pozzo

Olio su tela, cm 53X43,5

Stima € 4.000 - 6.000

Approfondimento dell’opera

Biagio Bellotti, detto il canonico di Busto Arsizio è l’artefice della decorazione nell’antico oratorio settecentesco presso la chiesa di San Giuseppe del Buon Gesù ad Olgiate Olona, di cui oggi rimane una pala raffigurante il santo patrono. L’artista bustese fu anche architetto, musicista, scrittore e poeta: nella Chiesetta della Madonna in Prato a Busto Arsizio affrescò la volta, e i suoi dipinti decorano le chiese di S. Gregorio e di S. Anna, e il mortorio di S. Michele. Lavorò anche a Milano, affrescando i soffitti dei palazzi Sormani e Perego, la Certosa di Garegnano e la cappella dell’Assunta, il cui cantiere sì data attorno al 1771. Il bozzetto in esame è un esempio distintivo del fare pittorico di Biagio Bellotti, il cui stile esibisce l’influenza della coeva arte veneziana, per la vivace pennellata e il vigoroso tessuto cromatico, attraversato da veloci lumeggiatture. Lo stile fa subito intuire quanto l’artista ha ben osservato le opere di Sebastiano Ricci e le novità di Giovan Battista Tiepolo, divenendone uno dei seguaci lombardi più apprezzati. La sua ordinazione sacerdotale, avvenuta nel 1742, non intralciò la sua carriera pittorica, che alternava con la pratica dell’architettura e la musica.
Arcadja LogoServizi
Abbonamento
Pubblicità
Aste Sponsorizzate
Abbonamento

Arcadja
Il prodotto
Follow Arcadja on Facebook
Follow Arcadja on Twitter
Follow Arcadja on Google+
Follow Arcadja on Pinterest
Follow Arcadja on Tumblr