Cookies help Arcadja providing its services: browsing the portal you accept their use.
I cookies aiutano Arcadja a fornire i suoi servizi: navigando nel portale ne accettate l'utilizzo.
Cookies disclosure/Informativa cookies

  • Art Auctions, Ventes aux Encheres Art, Kunstauctionen, Subastas Arte, Leilões de Arte, Аукционы искусства, Aste
  • Ricerche
  • Servizi
  • Iscrizione
    • Iscrizione
  • Arcadja
  • Cerca autore
  • Login

Francesco Ii Bassano

Italy (Bassano Del Grappa 1549 -  Venezia 1592 )
BASSANO Francesco II Ges� Caccia I Mercanti Dal Tempio

Farsetti
20-apr-2012
Trova opere d’arte, risultati d’asta e prezzi di vendita dell’artista Francesco Ii Bassano nelle aste italiane ed internazionali.
Consulta stime ed aggiudicazioni di Francesco Ii Bassano Segui l'artista con le allerte via mail

 

Detto anche :

Ponte Da Francesco Ii Bassano

Francesco Da Ponte Le Jeune, Dit Francesco Bassano

 

Opere in Arcadja
159

Alcune opere di Francesco Ii Bassano

Estratte tra le 159 opere nel catalogo di Arcadja
Francesco Ii Bassano - Orfeo Incanta Gli Animali Con La Musica

Francesco Ii Bassano - Orfeo Incanta Gli Animali Con La Musica

Originale
Stima:
Base d'asta:

Prezzo:

Prezzo Netto
Numero di lotto: 311
Altre OPERE IN ASTA
Descrizione:
FRANCESCO BASSANO Bassano del Grappa 1549 - 1592Orfeo incanta gli animali con la musicaOlio su tela, 99,5x142,5 cmAvviatosi alla pittura nella bottega del padre Jacopo intorno al 1570, si specializzerà nei soggetti di genere biblico e pastorale, mantenendo nel corso dei decenni un legame e una collaborazione artistica costante con la figura paterna, documentata da diverse opere firmate da entrambi. Lo stile fluido e il tocco descrittivo dalle pennellate brillanti e cariche di contrasti luministici sono tra le caratteristiche più evidenti che distinguono il suo stile.La predilezione della raffigurazione animalista, già ricordata dal Vasari, che ricorda Francesco Bassano come autore di opere "tenute in buon pregio, e massimamente per cose piccole, et animali di tutte le sorti", emerge in questa tela così come nei cicli della serie delle stagioni, degli elementi e delle storie di Noè del settimo decennio del Cinquecento.La tela in oggetto costituisce però una rara incursione dell'artista sul terreno delle rappresentazioni mitologiche: Orfeo, con la potenza incantatrice della sua lira, placa gli animali che lo ascoltano rapiti dalla sua maestria.L'opera, di grande forza espressiva e dai dettagli brillanti nel tocco sciolto delle pennellate, ci offre un'iconografia di grande interesse nella raffigurazione degli animali, che, ad eccezione di qualche citazione esotica come la deliziosa scimmietta che regge lo spartito, sono perlopiù autoctoni della campagna veneta, quasi a riportare la rappresentazione mitologica universale in una dimensione di attualità locale.La tela qui proposta, meritevole di pulitura conservativa, si presta ad utili confronti con altre opere di Francesco Bassano, tra cui quella di analogo soggetto a Roma, galleria Doria Pamphilji.
Francesco Ii Bassano - Orazione Nell'orto

Francesco Ii Bassano - Orazione Nell'orto

Originale
Stima:

Prezzo:

Prezzo Lordo
Numero di lotto: 69
Altre OPERE IN ASTA
Descrizione:
69.

FRANCESCO BASSANO

(Bassano, 1557 - Venezia, 1622)

Orazione nell'Orto

Olio su tela, cm 95X116

Di chiara matrice veneta, la tela è stata attribuita a Francesco Bassano da Ferdinando Arisi. Si tratta di una versione che trova la sua origine nel dipinto conservato al Museo di belle Arti di Mosca, ma si conoscono anche redazioni dipinte dal fratello Francesco conservate al Ringling Museum a Sarasota e nella Collezione Calamai di Firenze. Il Capostipite Jacopo ne realizzò invece due edizioni, quella di Bueghley House Collezione Exeter in formato verticale e quella della Pinacoteca di Modena che presentano differenze nella disposizione degli apostoli e nel paesaggio. Detto ciò, il seguito illustrativo trova un punto di riferimento in una successiva redazione realizzata dalla bottega familiare di cui una di Leandro conservata alla Galleria Nazionale di Parma.

Stima

€ 5000 - 7000
Francesco Ii Bassano - Ges� Caccia I Mercanti Dal Tempio

Francesco Ii Bassano - Ges� Caccia I Mercanti Dal Tempio

Originale
Stima:

Prezzo:

Numero di lotto: 492
Altre OPERE IN ASTA
Descrizione:
Lotto n.

492

Francesco Dal Ponte, detto Bassano

Bassano del Grappa (Vc) 1549 - Venezia 1592

Ges� caccia i mercanti dal Tempio

Olio su tela, cm. 114x142

Comunicazione scritta di Giuliano Briganti in data 9 gen-

naio 1988.

Francesco Bassano il Giovane, figlio di Jacopo (1515-

1592), si form� accanto al padre nel periodo 1560-70, e

ne segu� lo stile, soprattutto nei soggetti rurali e di mer-

cato. Nel decennio 1570-80 realizza infatti dipinti di tema

biblico in collaborazione con il padre che interpreta tali

soggetti riducendoli all'atmosfera campagnola del tempo

e quindi calando il sacro nel genere reale quotidiano.

In questo Cristo che scaccia i mercanti dal Tempio, Fran-

cesco Bassano dipinge una scena di mercato tipica, con

contadini che recano i prodotti e le bestie da vendere, vi-

cina al gusto del padre in soggetti come L'uscita dall'Arca,

Mus�e des Beaux Arts di Bourdeaux, e nelle numerose

Adorazioni dei Magi.

Nel 1579 Francesco lascia Bassano e si trasferisce a Vene-

zia ove realizza dipinti per il Palazzo Ducale.

Dopo il 1580 scopre il fascino del genere dei "notturni",

realizzando il Cristo nell'Orto dell'Accademia di Venezia.

Questo Ges� che caccia i mercanti riassume in modo esem-

plare il suo stile.

Bibliografia di riferimento:

L. Magagnato, Dipinti dei Bassano, catalogo della mostra,

Vicenza, 1952;

W. Arslan, I Bassano, Milano, 1960.
Francesco Ii Bassano - Battesimo Di Santa Afra

Francesco Ii Bassano - Battesimo Di Santa Afra

Originale
Stima:

Prezzo:

Prezzo Lordo
Numero di lotto: 101
Altre OPERE IN ASTA
Descrizione:
101. Francesco Bassano il Giovane (Bassano 1549 –1592)

Battesimo di Santa Afra
olio su tela
cm 222 x 163
La prima versione del battesimo di Sant'Afra,dipinta da Francesco Bassano per la chiesa di S. Afra a Brescia,risale alla prima metà degli anni Ottanta del Cinquecento (cfr. W.E. Arslan,
I Bassano
, Milano 1960, II, fig. 236-238). Nelpresente dipinto la struttura compositiva è più rarefatta rispettoall'opera bresciana e le figure appaiono più isolate e con profilipiù netti anche per effetto di un minore dispiego dei bagliori diluce artificiale.
L'ambientazione notturna costituisce un riflesso della manieradell'ultimo Tiziano e Tintoretto, a cui Francesco, trasferitosi daBassano a Venezia nel 1578 guarda con attenzione, trovando unprecedente nella
Presa di Padova
, dipinta intorno al 1580per il soffitto della Sala dello Scrutinio in Palazzo Ducale aVenezia.
La fioca illuminazione conferisce al racconto sacro una dimensionepiù intima che stempera la monumentalità del formato impostatasulle diagonali, secondo uno schema che rimanda al
Battesimo diLucilla
di Jacopo (Bassano, Museo Civico), in cui la santa èripresa di spalle inginocchiata di fronte all'officiante. Assistonoal battesimo umili popolani, tra cui campeggiano in primo piano labambina con in una mano un 'bussolà', tipico dolce veneziano ed ilragazzo che soffia sul carbone acceso.
Sant'Afra, vergine e martire, è patrona della città di Brescia,insieme ai santi Faustino e Giovita. Secondo alcune fonti Afra eramoglie del nobile bresciano Italico, che avrebbe portato unsimulacro in onore di Saturno nell'anfiteatro della città, offrendoin sacrificio martiri cristiani. Afra mentre assisteva al crudelesupplizio di Faustino e Giovina imponendo il segno della croceavrebbe arrestato miracolosamente la furia di cinque tori, che siaccovacciarono docilmente ai piedi dei santi. Al cospetto di taleprodigio, tremila spettatori si convertirono al cristianesimo. Sulluogo del martirio fu eretto un edificio di culto dedicato allamemoria di Faustino e Giovita, e nel 806, fu rintitolato aSant'Afra, a seguito della traslazione dei corpi dei due santi inun'altra chiesa.
Francesco Ii Bassano - La Distribuzione Dell'acqua

Francesco Ii Bassano - La Distribuzione Dell'acqua

Originale 1592
Stima:

Prezzo:

Numero di lotto: 21
Altre OPERE IN ASTA
Descrizione:
Francesco Bassano recte da Ponte il Giovane
(Bassano del Grappa 1549 - Venezia 1592) La
distribuzione dell'acqua, olio su tela, cm 80 x 120, antica cornice
intagliata e dorata

Perizia: prof. Egidio Martini: "questo dipinto
si lega bene alle bellissime tele con simili soggetti che si
trovano all' Ermitage di San Pietroburgo. Rappresenta un insieme
molto armonioso, ricco di pastori e animali. E'un dipinto assai
vicino ai modi di Jacopo, tra quelli le cui opere vengono confuse
talvolta, data la loro alta qualità, tra l'un e l'altro artista, il
dipinto ricorda anche il "Ritorno di Tobiolo" della Galleria di
Dresda (cfr. I Bassano/Edoardo Arslan. 2. ed. Milano:
Ceschina,1960, p. 211).
Arcadja LogoServizi
Abbonamento
Pubblicità
Aste Sponsorizzate
Abbonamento

Arcadja
Il prodotto
Follow Arcadja on Facebook
Follow Arcadja on Twitter
Follow Arcadja on Google+
Follow Arcadja on Pinterest
Follow Arcadja on Tumblr