Cookies help Arcadja providing its services: browsing the portal you accept their use.
I cookies aiutano Arcadja a fornire i suoi servizi: navigando nel portale ne accettate l'utilizzo.
Cookies disclosure/Informativa cookies

  • Art Auctions, Ventes aux Encheres Art, Kunstauctionen, Subastas Arte, Leilões de Arte, Аукционы искусства, Aste
  • Research
  • Services
  • Enrollment
    • Enrollment
  • Arcadja
  • Search author
  • Login

Giulio Aristide Sartorio

Italy (Roma 1860 -  1932 ) Wikipedia® : Giulio Aristide Sartorio
SARTORIO Giulio Aristide  A Spring Evening

Palais Dorotheum
Oct 19, 2017
Find artworks, auction results, sale prices and pictures of Giulio Aristide Sartorio at auctions worldwide.
Go to the complete price list of works Follow the artist with our email alert
Artworks in Arcadja
139

Some works of Giulio Aristide Sartorio

Extracted between 139 works in the catalog of Arcadja
Giulio Aristide Sartorio -  A Spring Evening

Giulio Aristide Sartorio - A Spring Evening

Original 1902
Estimate:

Price:

Gross Price
Lot number: 1240
Other WORKS AT AUCTION
Description:
Giulio Aristide Sartorio (Rome 1860–1932) A spring evening, signed, dated and inscribed G. A. Sartorio Roma 1902, mixed media on cardboard, 54.5 x 45 cm, framed, (GG) Provenance: Private Collection Italy, acquired in the 1980´s. The date on the reverse of the present lot indicates that it was painted in 1902. It can be connected to the composition depicting the Wise and Foolish virgins, which was painted in 1890-91. It is a remarkable painting and one of the artist\’s major works. According to the Gospel of Matthew, the five virgins who are prepared for the bridegroom\’s arrival are rewarded, whilst the five who are not prepared are disowned. \“Be prepared for the last judgment\”: This parable was very popular in the Middle Ages and has remained a popular subject for painting ever since. The Italian Pre-Raphaelite artists were active in Rome at the end of the 19th century, and artists such as Sartorio were influenced by the English Pre-Raphaelitism and particularly by Dante Gabriel Rossetti (1828-1882) and Edward Burne-Jones (1833-1898). Sartorio depicted the idea of the return to nature and made use of symbolism to give spiritual value to painting, such as in the present lot. The fragile and mysterious feminine beauty of this work is a delightful example of the artist\’s main focus in the 1890\’s. Specialist: Gautier Gendebien
Giulio Aristide Sartorio - Coastal Landscape

Giulio Aristide Sartorio - Coastal Landscape

Original 1891
Estimate:
Starting price:

Price:

Lot number: 18
Other WORKS AT AUCTION
Description:
Lot 18: G. Sartorio (1860-1932), Coastal Landscape, Mixed Media, 1891
Description: Mixed media of pastel, gouache and black charcoal on wove paper, laid down on cardboard
Italy, 1891
Giulio Aristide Sartorio (1860-1932) – Italian painter and film director
Signed, inscribed and dated lower left \‘G. A. SARTORIO. ROMA. 1891\’\’\’\’\’\’\’\’
Sheet dimensions: 29 x 60.5 cm
Frame: 46.5 x 78.5 cm
Good condition
Giulio Aristide Sartorio - Ruins, Tiahuanaco

Giulio Aristide Sartorio - Ruins, Tiahuanaco

Original
Estimate:

Price: Not disclosed
Lot number: 64094
Other WORKS AT AUCTION
Description:
Description:
GIULIO ARISTIDE SARTORIO (Italian, 1860-1932) Ruins, Tiahuanaco, 1924 Oil on canvasboard 16 x 18 inches (40.6 x 45.7 cm) Signed, dated and inscribed by artist upper right: Bolivia, Tiahuanaco Lerovine, G. A. Sartorio MCM XXIV THE JEAN AND GRAHAM DEVOE WILLIFORD CHARITABLE TRUST Despite his passion for American painting, Graham Williford had catholic tastes in art which occasionally resulted in rather remarkable acquisitions outside the usual scope of his collection. This painting of the pre-Columbian ruins of Tiahuanaco in the Bolivian Andes by the Roman painter and film director Giulio Sartorio is one such acquisition. In the later phase of a celebrated artistic career as a Symbolist painter and friend of the English PreRaphaelites, as one of the finest late 19th-century painters of the Roman Campagna with its ancient ruins and friend of poet Gabriele D'Annunzio, and a prize-winning decorative painter, Sartorio explored the Middle East, Japan and Latin America during the 1920s. In Bolivia he was profoundly inspired by the Tiahuanaco ruins, the oldest sacred center of Andean region (an earlier name of the site was taypicala, meaning the 'rock in the center'). Traditionally it is thought to have been built by the predecessors of the Inca Civilization. Some of the massive structures at this site, like the Great Pyramid and the Sphinx in Egypt and Baalbek in Lebanon, date from pre-flood times, as long ago as 10,500 BC. Originally a coastal empire and now twelve miles from the coast of the sacred Lake of Titicaca, Tiahuanaco was the source of the creation myths, the social order, and the extraordinary preoccupation with astronomy that underwrote thousands of years of Andean culture. In the present work, Sartorio places in foreground of his composition the mysterious figurative Stela 8, and shows the ruins of the Kalasasaya temple off to the right.
Giulio Aristide Sartorio - A Tiger Struggling With A Snake

Giulio Aristide Sartorio - A Tiger Struggling With A Snake

Original
Estimate:

Price:

Gross Price
Lot number: 21
Other WORKS AT AUCTION
Description:
Giulio Aristide Sartorio (Italian, 1860-1932)
A Tiger Struggling with a Snake
signed 'G. A. Sartorio' (lower right)
oil on canvas
16 x 30¾ in. (40.6 x 78.1 cm.)
Anonymous sale; Christie's, London, 31 May 1996, lot 16. Acquired at the above sale by the present owner.
THE PROPERTY OF A MIAMI COLLECTOR
Giulio Aristide Sartorio - A Tiger Struggling With A Snake

Giulio Aristide Sartorio - A Tiger Struggling With A Snake

Original
Estimate:

Price:

Gross Price
Lot number: 21
Other WORKS AT AUCTION
Description:
Giulio Aristide Sartorio (Italian, 1860-1932)
A Tiger Struggling with a Snake
signed 'G. A. Sartorio' (lower right)
oil on canvas
16 x 30¾ in. (40.6 x 78.1 cm.)
Anonymous sale; Christie's, London, 31 May 1996, lot 16. Acquired at the above sale by the present owner.
THE PROPERTY OF A MIAMI COLLECTOR

LA BIOGRAFIA DI Giulio Aristide Sartorio

Giulio Aristide SARTORIO , pittore italiano, nasce a Roma nel 1860.Apprende l’arte del disegno dal padre Raffaele e dal nonno Girolamo, scultori di una certa reputazione.
Si perfeziona all’Accademia di Belle Arti, attraverso l’esecuzione di rilievi, copie e imitazioni da affreschi, mosaici, quadri e statue delle basiliche e dei musei romani.
A questa formazione tradizionale si sovrappone la spiccata simpatia per il virtuosismo di Mariano Fortuny, ed esegue quadretti ed acquerelli di ambiente settecentesco.
Con il dipinto Malaria, esposto a Roma nel 1882, si presenta sotto una veste rinnovata, volta ad accenti di verismo umanitario michettiano, ancora più evidenti in seguito, sotto la diretta influenza del maestro abruzzese, sia quando lavora alla pittura del paesaggio, sia quando si impegna negli studi di animali.
Frequenta i circoli letterari della capitale , collabora a “Cronache Bizantine” e nel 1883 stringe amicizia con Gabriele d’Annunzio per cui illustra nel 1886 l’Isotta Guttadauro.
Questo lavoro documenta i suoi interessi, più consistenti dal 1890, per la poetica preraffaellita, con particolare attenzione a Hunt, Millais, Madox Brown più che a Dante Gabriele Rossetti.
Ne nasce la naturale adesione, nel 1893, al gruppo costiano In arte libertas.
Tuttavia la scelta di una malintesa tradizione italiana come opposizione all’impressionismo, perché fondata sull’accademica minuzia della trama disegnativa, conduce l’artista ad una pittura di piglio grandioso, preoccupata di eleganze che non tardano a virare in senso “floreale”, e ridondante di quell’enfasi letteraria cui lo stimola la vena poetica dannunziana.
Il manifesto pericolo del suo allontanarsi dal cero per resuscitare una sorta di ellenismo eroico, è evidente sia dalle illustrazioni per Il Convito di Bosis che nel trittico Le vergini Savie e le vergini stolte, tanto che sia il Costa sia il Michetti cercano di distogliere Sartorio da quest’inclinazione esortandolo ad un viaggio in Inghilterra, che effettua, per conoscere direttamente il preraffaellismo.
Nel 1889 si era recato con Francesco Paolo Michetti a Parigi, dove aveva esposto I figli di Caino, riscuotendo largo successo di critica.
Ritornato in patria e ospite del Michetti a Francavilla, si applica allo studio del paesaggio e degli animali, soprattutto in pastelli o in acqueforti e litografie di cui non esegue tirature.
Tuttavia anche questa produzione è animata da un chiaro taglio decorativo, ricostruita com’è in studio, seppur con spunti dal vero, solo preoccupata di un realismo tutto esteriore.
Presto ritorna al simbolismo estetizzante, epidermica rievocazione di contenuti e moduli classici, del dittico Diana di Efeso e gli schiavi, La Gorgone e gli eroi, 1899.
Ma il lessico sartoriano sta flettendosi dagli stilemi preraffaelliti ad accentuazioni liberty, in parte dovute alla permanenza di quattro anni in Germania (1895-1899) come professore nell’Accademia di Weimar, su invito del Graduca Carlo Alessandro.
Entra in contatto con i simbolisti tedeschi e frequenta la casa di Nietzsche.
Rientrato in Italia svolge una duplice attività, solo apparentemente antitetica ma in realtà abbastanza reciprocamente "legata"” quella di paesista, animatore con Coleman, Giuseppe Raggio e Onorato Carlandi del gruppo dei XXV della Campagna Romana, e l’impegno in grandi lavori di decorazione.
La prima, cui è legata la sua fama maggiore, definitivamente consacrata dall’Esposizione di Venezia nel 1914 dove comparve con 80 tempere, ha per soggetto la campagna laziale e le paludi pontine.
Del secondo aspetto sono documento i fregi allegorici in chiaroscuro per le Biennali veneziane del 1905 e del 1907, i lavori ornamentali per L’Esposizione di Milano, la decorazione simbolico-idealista dell’aula della Camera dei Deputati in Montecitorio (1908-1912) dove celebra la storia d’Italia dall’epoca dei comuni al risorgimento.Del secondo aspetto sono documento i fregi allegorici in chiaroscuro per le Biennali veneziane del 1905 e del 1907, i lavori ornamentali per L’Esposizione di Milano, la decorazione simbolico-idealista dell’aula della Camera dei Deputati in Montecitorio (1908-1912) dove celebra la storia d’Italia dall’epoca dei comuni al risorgimento.Insegna all’Accademia di Belle Arti romana sino al 1915 poi partecipa, volontario, alla grande guerra e ne illustra gli episodi bellici in 27 soggetti il cui obiettivismo manifesta gli interessi del Sartorio per la fotografia e per la carica di astrazione della sua spietata oggettività.Si impegna, addirittura, nel 1918, nella realizzazione di un film, Il mistero di Galatea, ed è sempre più impegnato nella sua attività di critico, di autore di versi e prose; il poema drammatico Sibilla costituisce un tentativo d’integrazione fra arte figurativa e letteratura, dacché versi, tavole, fregi, scrittura del testo, tutto è opera dell’artista.
L’attività postbellica, oltre l’impegno per la decorazione della nuova cattedrale di Messina e le parentesi dei viaggi in Egitto, in Siria e in Palestina, aggiunge al già vasto repertorio del pittore un nuovo soggetto: le replicate immagini dei figli e della moglie, colte sulla spiaggia di Fregene con eleganza liberty e apparente verismo in cui persiste la netta traccia di reminiscenze preraffaellite e il sapore della diafana luce idealistica: Fregene (1917), Mattinata sul mare (1917 c.) e la Famiglia (1919), Si citano ancora le opere Natale di Roma e Autumnalia, Sull’isola sacra e Vittoria di Ostia, Alba sul Tevere a Fiumicino, 1903.

Arcadja LogoServices
Subscription
Advertising
Sponsored Auctions
Subscription

Arcadja
Our Product
Follow Arcadja on Facebook
Follow Arcadja on Twitter
Follow Arcadja on Google+
Follow Arcadja on Pinterest
Follow Arcadja on Tumblr