Orazio Gentileschi

(15631639 ) - Werke
GENTILESCHI Orazio The Madonna And Child

Christie's /06.12.2007
2.087.682,77 - 3.479.471,28
2.819.074,93

Kunstwerk finden, Versteigerungsergebnisse und Verkaufspreise des Künstlers Orazio Gentileschi auf italienischen und internationalen Auktionen
Zu den Schätzungen und Zuschlägen von Orazio Gentileschi Beobachten Sie den Künstler anhand der Aufgepasst!-E-Mails
Kunstwerke bei Arcadja
41

Einige Werke von Orazio Gentileschi

Herausgesucht aus 41 Werken im Arcadja-Katalog
Orazio Gentileschi - Die Wundenpflege Des Heiligen Sebastian

Orazio Gentileschi - Die Wundenpflege Des Heiligen Sebastian

Original
Schätzung:

Preis:

Postennummer: 670
Weitere zur VERSTEIGERUNG STEHENDE WERKE
Beschreibung:
Orazio Gentileschi, 1563 – 1639, zug. DIE WUNDENPFLEGE DES HEILIGEN SEBASTIAN Öl auf Leinwand. Doubliert. 62 x 74 cm. Die biblische Szene in einer abendlichen Landschaft wiedergegeben, der Heilige auf einem Steinblock, nach rechts gekrümmt liegend, neben ihm halbfigurig eine junge Frau, die ihm die Pfeile aus der Wunde zieht. Links hinten, vor dem abendlichen Himmel, zwei nach hinten ziehende Reiter. Bildauffassung in angedeuteter Hell-Dunkel-Manier, tonige Farben aus denen das Rot im Oberkleid des Frauenhemdes wirkungsvoll hervorleuchtet. (930242) Orazio Gentileschi, 1563 - 1639, attributed Tending the wounds of Saint Sebastian Oil on canvas. Relined. 62 x 74 cm.
Orazio Gentileschi - Dielautenspielerin

Orazio Gentileschi - Dielautenspielerin

Original
Schätzung:

Preis:

Nettopreis
Postennummer: 1
Weitere zur VERSTEIGERUNG STEHENDE WERKE
Beschreibung:
Orazio GENTILESCHI (Pisa 1563 - nach 1640 London) - Kopist um 1800 “DieLautenspielerin” Öl auf Leinwand, ca. 160 x 130,5 cm, gerahmt DasOriginal, um 1610, befindet sich in Washington, National Gallery ofArt (143,5 x 128,8 cm). Lit.: C. Grimm, Stillleben, Dieitalienischen, spanischen und französischen Meister, Stuttgart,Zürich 1995, S. 85, Abb. 29; S. 235, Abb. 154
Orazio Gentileschi - The Madonna And Child

Orazio Gentileschi - The Madonna And Child

Original 1605
Schätzung:

Preis:

Bruttopreis
Postennummer: 71
Weitere zur VERSTEIGERUNG STEHENDE WERKE

LA BIOGRAFIA DI Orazio Gentileschi

GENTILESCHI Orazio nasce a nel 1563 Pisa da una famiglia di origine fiorentini, il Gentileschi si trasferì giovanissimo a Roma tra il 1576 e il 1578, andando ad abitare in casa di uno zio, capitano delle guardie di Castel Sant’Angelo, di cui adotta il cognome Gentileschi.
Poco prima del 1590 Orazio ha già ottenuto un discreto successo come pittore di affreschi, partecipando ad alcuni dei più importanti cantieri decorativi romani intrapresi durante i pontificati di Sisto V e di Clemente VIII.
Lavora alla decorazione della Biblioteca Sistina in Vaticano e della navata della basilica di Santa Maria Maggiore, esegue una pala d’altare ( per la basilica di San Paolo fuori le Mura ed ottiene commissioni per dipingere affreschi nell’abbazia benedettina di Farfa, in San Giovanni in Laterano, alla Trinità dei Monti e in San Nicola in Carcere.
Intanto, nel 1612, egli aveva dovuto far fronte allo scandalo culminato nel processo contro il pittore Agostino Tassi, il quale aveva sedotto sua figlia Artemisia.
Forse, in seguito a tale vicenda, l'artista parte volontariamente da Roma raggiungendo le Marche dove sono numerose le testimonianze della sua attività.
A partire dalla metà del primo decennio del secolo, e sempre più negli anni successivi, Orazio inizia a dipingere opere per committenti marchigiani, fino a decidere di lasciare Roma e trasferirsi nelle Marche per un periodo non meglio precisato nel secondo decennio del secolo.
Fin dal Cinquecento la regione aveva accolto numerosi artisti formatisi a Roma e aveva costituito un naturale sbocco culturale ed economico per lo Stato pontificio, grazie all’intraprendenza di committenti privati e di ordini religiosi quali gli Oratoriani di Fermo, i Gesuiti di Ancona e i Cappuccini di Tolentino.
Artisti come Rubens, Lanfranco, Reni, Spada e Roncalli avevano trovato in città come Ancona e Fabriano un florido mercato per la propria produzione pittorica.
Dal 1621 al 1623 è a Genova dove dipinge fra l'altro, per Carlo Emanuele I, l'“Annunciazione” conservata nella Pinacoteca Sabauda di Torino.
In seguito passò per un certo periodo in Francia, alla corte di Maria de' Medici (1624-1626) e allo scadere del 1626 raggiunse Londra, al servizio di Carlo I d'Inghilterra.
Qui intrattiene relazioni con gli aristocratici più in vista e diventa a tutti gli effetti il pittore ufficiale al servizio della regina Henrietta Maria, pur non disdegnando, probabilmente, di svolgere anche missioni diplomatiche segrete per conto della corona britannica.
In realtà, a partire dal 1625, ai tempi del soggiorno a Parigi, Orazio non poteva più considerarsi un pittore caravaggesco poiché, per adeguare il proprio stile al gusto delle corti, la sua pittura era divenuta sempre più raffinata e aristocratica, abbandonando il contatto diretto con la realtà che costituiva il fondamento della poetica di Caravaggio.
I dipinti inglesi dell’artista mirano piuttosto a soddisfare il gusto estetico di una corte cosmopolita e sofisticata, sono luminosi, presentano colori saturi e una finitura levigata, sono popolati di figure dall’incarnato di porcellana, avvolte in ricchi drappeggi e stoffe preziose.
Nelle opere più raffinate di questo ultimo periodo - per esempio Lot e le figlie (cat.
46), e Mosé salvato dalle acque (cat.
48) - si assiste al pieno e completo fiorire di quell’indole manierista che Orazio aveva conservato allo stato embrionale durante il corso della sua attività.
L’artista muore a Londra all’età di 76 anni, il 7 febbraio 1639.

Arcadja LogoProdukte
Abos
Werbung
Sponsored Auctions
Abos

Über uns
Unser Produkt
Follow Arcadja on Facebook
Follow Arcadja on Twitter
Follow Arcadja on Google+
Follow Arcadja on Pinterest
Follow Arcadja on Tumblr